Firenze: Doppio omaggio a Bach

Gli Amici della Musica di Firenze continuano il loro ciclo Omaggio a Bach, con due nuovi, imminenti appuntamenti presentati ancora una volta da gradni protagonisti del panorama internazionale. Iniziano la carismatica violinista Viktoria Mullova e l’elegante clavicembalista Ottavio Dantone, scintillante coppia di virtuosi e di filologi, in duo al Teatro della Pergola Sabato 7 Novembre (ore 16): stavolta un Bach puramente strumentale, quello di tre Sonate per violino e clavicembalo più significative (le nn.1, 2 e 4) e di quel capolavoro assoluto della letteratura per violino che è la monumentale Ciaccona dalla Partita BWV 1004, miracolosa sintesi di rigore e fantasia che troverà nella sola Mullova la sua interprete. Un’occasione quanto mai intrigante per tornare ad ammirare Viktoria Mullova, violinista portentosa ammirata ormai in tutto il mondo per la bellezza lucente del suono, lo smalto tecnico e il vibrante senso ritmico, tutte qualità messe al servizio di un repertorio che spazia dalla musica più propriamente classica a quella jazz e pop: con accattivante autorevolezza, la Mullova affronta Bach (con un violino sul quale sono montate corde di budello e facendo scorrere un archetto d’epoca, secondo un gusto strumentale tutto filologico), Cajkovskij e Stravinskij, ma pure Duke Ellington e i Beatles. E già da qualche anno questa formidabile violinista coltiva una passione particolare per il repertorio barocco, collaborando con rinomate formazioni come l’Orchestra of the Age of Enlightenment e il Giardino Armonico diretto da Giovanni Antonini. Una proprietà di stile, sonorità nette e fraseggi scorrevoli che ben si sposano al gusto di Ottavio Dantone, interprete che fin da giovanissimo si è dedicato alla musica antica segnalandosi come uno dei clavicembalisti più dotati della sua generazione. Premiato al Concorso Internazionale di Parigi (1985) e al Concorso Internazionale di Bruges (1986), Dantone è così risultato il primo italiano ad aver ottenuto tali riconoscimenti a livello internazionale nell’ambito del clavicembalo. Direttore musicale, dal 1996, dell’Accademia Bizantina, affianca alla sua consueta attività di solista quella di direttore d’orchestra, con particolare successo anche in campo operistico (come il Rinaldo di Händel, alla Scala di Milano. Viktoria Mullova e Ottavio Dantone hanno affidato anche al disco la loro interpretazione delle Sonate per violino e clavicembalo di Bach.

 

Lunedì 9 Novembre, al Saloncino del Teatro della Pergola (ore 21) il ciclo Omaggio a Bach celebra l’arte di questo sommo padre della musica presentandone gran parte dei Mottetti alternati a Corali, tratti dalle grandi Passioni secondo Matteo e Giovanni ma anche strumentali. Un impaginato di innegabile suggestione, che nell’occasione verrà autorevolmente riproposto da La Stagione Armonica, ensemble di strumenti e voci che si è conquistato fama come specialista del repertorio rinascimentale e barocco collaborando anche a fianco dell’Accademia Bizantina diretta da Ottavio Dantone e dell’Orchestra Barocca di Venezia guidata da Andrea Marcon, e realizzando numerose quanto significative registrazioni. Di recente, La Stagione Armonica ha collaborato anche con Riccardo Muti e l’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini”, per eseguire la Missa defunctorum di Giovanni Paisiello. Fondata nel 1991 dai Madrigalisti del Centro di Musica Antica di Padova, dal 1996 La Stagione Armonica è preparata, artisticamente guidata e diretta da Sergio Balestracci, che la dirigerà anche in quest’occasione. Flautista e direttore, Balestracci è stato fra i primi in Italia a contribuire alla riscoperta della musica rinascimentale e barocca, proprio lavorando strettamente con La Stagione Armonica: partiture di Cavalli, di Caldara, di Monteverdi, degli Scarlatti, un repertorio da lui valorizzato anche con una seria e stimata attività di studioso. Ma senza preclusioni nei confronti di altre epoche, perché Balestracci ha diretto anche pagine di Liszt, Brahms e Stravinsky.

 

Sabato 7 Novembre, ore 16, Teatro della Pergola

 

VIKTORIA MULLOVA, violino  OTTAVIO DANTONE,  clavicembalo

Omaggio a Bach (III)

J.S. BACH: Sonata n.1 in sol minore per violino solo BWV 1001; Sonata n.2 in la maggiore per violino e clavicembalo BWV 1015; Sonata n.4 in do minore per violino e clavicembalo BWV 1017; Ciaccona (dalla Partita n.2 in re minore per violino solo BWV 1004).

 

Lunedì  9 Novembre, ore 21, Teatro della Pergola – Saloncino

 

LA STAGIONE ARMONICA 

SERGIO BALESTRACCI, direttore

Omaggio a Bach (IV)

J.S. BACH: Corale “In meines herzens Grunde” BWV 245: 8; Mottetto “Singet dem Herrn ein neues Lied”  BWV 225; Corale “Jesu meine Freude” BWV 610; Mottetto “Lobet den Herrn, alle Heiden” BWV 230; Corale “Wir Christenleut” BWV 612; Mottetto “Komm, Jesu, komm!” BWV 229; Corale “Ach Herr, lass dein lieb Engelein” BWV 245:11; Mottetto “Fürchte dich nicht, ich bin bei dir” BWV 228; Corale “Wer hat dich so geschlagen” BWV 244:7; Mottetto “Der Geist hilft unser Schwachheit auf” BWV 226.

 

Lascia un Commento