Firenze: Conoscere le DOC


Dopo il grande successo ottenuto con la campagna mediatica “Controlliamo tutto, tranne con chi lo bevi”, Federdoc, la Confederazione nazionale dei consorzi volontari per la tutela delle denominazioni di origine, propone una nuova iniziativa dedicata ancora una volta alla corretta informazione e divulgazione per la valorizzazione dei vini a Denominazione di Origine.
In questa occasione Federdoc ha ottenuto la positiva collaborazione proprio di chi rappresenta il diretto tramite tra chi produce i vini di qualità e chi li consuma. Stiamo parlando di professionisti di enoteche e ristoranti: ideali vettori di informazione corretta verso il consumatore attento. Una campagna, quindi, che si svolge proprio presso i luoghi dedicati all’acquisto e al consumo del vino, in tre importanti piazze italiane.

Dal 10 giugno a Firenze e Bologna e dal 20 giugno a Roma, 100 esercizi selezionati tra enoteche e ristoranti, (30 a Firenze, 30 a Bologna e 40 a Roma), distribuiranno 10.000 kit informativi sui vini italiani. Un utile omaggio alla propria clientela interessata ad approfondire la propria conoscenza del comparto enologico italiano.
Uno strumento agile e utile, ricco di informazioni sui Vini di qualità italiani, che va dalla presentazione della nuova normativa vitivinicola comunitaria, al modo corretto di leggere e interpretare un’etichetta, dal sistema della tracciabilità di un vino di qualità, alle nozioni sui principali vitigni e mappe delle zone a Denominazione di Origine. Il tutto riassunto anche su CD.
E nella capitale, in particolare, l’iniziativa è stata accolta da Arte dei vinattieri, storica Associazione di enoteche romane, che raccoglie i locali capitolini più prestigiosi. Di questi ben 17 tra le “storiche” hanno aderito con grande favore alla campagna informativa: segno tangibile di un impegno ed una passione per il Vino Italiano, che va oltre gli aspetti puramente commerciali.

Un contributo prezioso, dunque quello delle enoteche e quello dei ristoranti delle tre città italiane, per veicolare al meglio un messaggio importante: e cioè che il vino di qualità italiano è tutelato e controllato.
Ed è proprio questo il ruolo di Federdoc che, dal 1979, rappresenta l’unico organismo interprofessionale esistente in Italia, un vero e proprio tavolo di lavoro intorno al quale i vari protagonisti del settore si riuniscono per affrontare in modo sereno e con atteggiamento positivo tutte le problematiche legate al mondo delle denominazioni.
www.aiol.it
asa

Firenze: Conoscere le DOCultima modifica: 2010-06-14T09:05:35+00:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento