Pisa: Va’anze romane

Grande appuntamento con la commedia in vernacolo e, questa volta, l’appuntamento e veramente uno di quelli da non perdere.

Scegliendo , tra tutti, il Teatro VERDI di PISA , la Compagnia de “IL CARROZZONE “ presenterà, la nuova commedia di Giuseppe PANCACCINI dal titolo “VA’ANZE ROMANE”

Soltanto la geniale mente del  Pancaccini, vero maestro del Teatro vernacolare, poteva pensare una commedia che mettesse insieme i Livornesi ed i Pisani, che decidono di andare a Roma, ed in Vaticano in occasione dell’Anno Santo e ne raccontasse, in forma esilarante, tutte le avventure che capitano a questa strana comitiva dalla partenza, naturalmente in pullman, fino al ritorno , sosta a Roma compresa.

Giustamente il pubblico si chiederà come sia possibile che due gruppi di persone così particolari decidano di andare insieme a Roma: il mistero verrà svelato nel corso della commedia , tutta da ridere con momenti veramente esilaranti.

Dopo il Teatro VERDI questa commedia verrà rappresentata nei più importanti Teatri toscani, a partire dal Goldoni di Livorno e così via, in un tour completamente dedicato al divertimento, dove il vero protagonista è la grande ironia livornese, capace, sullo stile di Roberto Benigni, di affrontare qualsiasi problema

In VA’ANZE ROMANE, si racconta la storia di un gruppo di popolane livornesi di Piazza Cavallotti, che approfittando del prezzo accessibile di una gita- pellegrinaggio, organizzata dalla Parrocchia di Santa Giulia, partono per la volta di Roma, con intenzioni tutt’altro che spirituali.

Capitanate da Suor Paolina, le livornesi raggiungono la capitale, ma mentre si trovano a far visita al Colosseo si imbattono in una sfortunata comitiva di religiose pisane, tradite dal loro pullman andato in panne.

In un primo tempo le donne livornesi, persuase da Suor Paolina , accettano di prestare soccorso alle sfortunate turiste, consentendogli di proseguire il viaggio a bordo del loro torpedone, tuttavia, non appena appresa la provenienza delle malcapitate , le livornesi decidono di lasciarle a terra.

Una decisione che originerà un’accesa discussione fra i due gruppi religiosi, sedata dal provvidenziale intervento di due intriganti ciceroni, che riusciranno a convincere entrambe le fazioni a riunirsi ed a seguirli in una scampagnata sui colli romani.

Ma nel frattempo, all’insaputa di tutti l’intera comitiva è pedinata da una squadra della narcotici, convinta che nel gruppo  delle religiose si sia infiltrato un’insospettabile corriere della droga…e così mentre l’intero gruppo di livornesi e pisane, si trovano a pranzo nella famosa trattoria “DA MEO PATACCA”,  i due agenti  decidono di intervenire travestiti da cantastorie improvvisando uno spettacolo per dissiduare il banchetto.

Nello stupore collettivo, convinti del fatto loro e di aver identificato l’insospettabile ricercato, i due agenti danno corso ad una insolita ed esilarante perquisizione….ma al posto del CD ”ROBA” con grande sorpresa, verranno rinvenute foglie di basilico, pasticche per la pressione e  di viagra, mentre la coca più volte menzionata nelel intercettazioni telefoniche , altro non risulterà che la tradizionale lattina di “coca-cola light” custodita gelosamente da una delle protagoniste di questa storia.

E così l’imprevedibile epilogo di quello che doveva essere un pellegrinaggio religioso, farà da collante alle due antagoniste comitive che in piena sintonia faranno un gioioso e fraterno ritorno a casa..

 

Pisa: Va’anze romaneultima modifica: 2009-02-28T15:03:27+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento