Carrara: I cavatori carraresi al salvataggio di Abu Simbel

Abu Simbel: il salvataggio dei Templi, l’uomo e la tecnologia
Località: Roma
Da 23-05-2009
a 02-06-2009
Tempio di Adriano
Piazza di Pietra
Recapiti telefonici: 06-52082559
Orari: 10-22
abu simbel

La mostra fotografica, in programma dal 24 maggio al 2 giugno 2009, sarà inaugurata al Tempio di Adriano, sede della Camera di Commercio di Roma, il 23 maggio alle 18.30. Proseguirà poi fino al 2 giugno ad ingresso libero, tutti i giorni, dalle 10 alle 22. Ma oltre alla Capitale, il calendario della manifestazione proseguirà nelle principali capitali europee e mondiali.

L’evento è curato dalla World Wide Artists gallery in collaborazione con Promoroma, Azienda speciale della CCIAA di Roma, sia negli aspetti culturali che di promozione.

Per maggiori dettagli è possibile consultare il sito internet www.abusimbelexpo.org

 

I due templi furono divisi in 807 e 235 blocchi del peso massimo di 20 tonnellate e accuratamente numerati. I tagli dei vari blocchi vennero eseguiti in modo da essere il meno visibili possibili una volta ricomposti. I due edifici furono quindi ricomposti in una posizione 65 m. più in alto e 180 m. verso l’interno rispetto al punto originale.
Per dare solidità al complesso i due templi furono fissati ad una struttura di cemento armato quindi ricoperti da cupole di cemento con una campata rispettivamente di 50 e 24 m. con all’interno uno spazio libero di 19 e 7 m., spazi destinati a contenere varie infrastutture turistiche. I vari blocchi sono stati uniti usando una malta composta da cemento e sabbia del deserto.
Per eseguire questi “faraonici” lavori furono impegnate circa 2000 persone tra le quali anche dei tagliatori delle cave di marmo di Carrara che eseguirono i tagli per dividere in blocchi i due monumenti.
I lavori furono completati nell’estate del 1968.
Altri monumenti furono salvati dal lago in formazione nello stesso modo, anche se il salvataggio di Abu Simbel fu il più complesso, ma altri monumenti, ritenuti meno importanti, vennero coperti dall’acqua.

da: http://digilander.libero.it/jimdigriz/egitto/abusimbel.html

Chissà se in questa interessante mostra è sottolineato l’importante contributo dei cavatori carraresi?

 ottopassi

Carrara: I cavatori carraresi al salvataggio di Abu Simbelultima modifica: 2009-05-24T12:33:52+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento