Pistoia: Rinasce l’Ecomuseo della Montagna

Con l’Ecomuseo alla scoperta delle tradizioni della montagna pistoiese. Con la primavera riaprono al pubblico, con orario ordinario, alcuni punti dell’Ecomuseo che in questo periodo sono peraltro visitati da molte scuole da ogni parte d’Italia grazie alla attività didattica dei diversi punti museali.
Per ogni informazione sull’Ecomuseo contattare l’Ufficio Cultura della Provincia  dal lunedì al venerdì, ore 8-14, martedì e giovedì anche 15-18, tel. 0573-97461, fax 0573-974675, e mail ecomuseo@provincia.pistoia.it Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Sul sito internet della Provincia tutte le informazioni all’indirizzo: www.provincia.pistoia.it/ecomuseo.

In particolare l’Assessorato alla cultura della Provincia di Pistoia segnala che riaprono i seguenti punti. La Ferriera Sabatini di Pracchia ed il Museo Diocesano d’Arte Sacra di Popiglio in aprile, maggio e giugno osserva il seguente orario sabato e domenica ore 16 – 19.
Ha già riaperto il Museo della Gente dell’Appennino pistoiese di Rivoreta con la nuova sezione didattica della lana con il seguente orario, da marzo a luglio, tutti i giorni ore 10.30-12.30/16.00-18.00.
Per quanto riguarda il Museo Diocesano d’Arte sacra sarà aperto al pubblico solo la Compagnia del SS. Sacramento, che recentemente è stata rinnovata con il cambio di paramenti sacri.
La parte del Museo all’interno della Chiesa di Popiglio infatti è momentaneamente chiusa per i lavori di riallestimento complessivo. L’intervento ha  l’obiettivo di valorizzare e tutelare maggiormente i beni che custodisce ed è portato avanti dalla Diocesi di Pistoia, dalla Soprintendenza ai beni Architettonici, Paesaggistici e Storici, Artistici per le Province di Firenze, Prato, Pistoia, dalla Provincia di Pistoia- Ufficio Cultura  con il cofinanziamento della Regione Toscana sul Piano
Cultura 2008.

All’Ecomuseo sono state 33.755 le visite del 2008 (32.777 visite nel 2007) con prevalenza di scuole, ma con un aumento sensibile da parte di gruppi organizzati di adulti. In particolare, suddividendo per tipologia, le visite di scuole e i soggiorni didattici sono stati circa 6000, le visite di gruppi organizzati circa 2500 e le presenze singole circa 25.000.
L’Ecomuseo della montagna pistoiese è composto di un insieme coordinato di itinerari all’aperto, musei e centri per la didattica situati sull’Appennino toscano a nord di Pistoia. L’Ecomuseo è nato nel 1990 ed è composto da sei itinerari, ciascuno con un proprio museo e relativi apparati didattici: naturalistico, del ghiaccio, del ferro, dell’arte sacra e religiosità popolare, della pietra e della vita quotidiana. La Provincia di Pistoia, Assessorato alla cultura, coordina il sistema museale dell’Ecomuseo della Montagna pistoiese con la importante collaborazione di molte realtà. Il cuore amministrativo del sistema è a Gavinana, nello storico Palazzo Achilli, sede del Punto Informativo Centrale, attrezzato con laboratori interattivi, strutture di accoglienza, archivi sonori e visivi sulle tradizioni della zona.

Pistoia: Rinasce l’Ecomuseo della Montagnaultima modifica: 2009-05-31T16:28:38+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento