Pistoia: I colori dell’esilio

«Pistoia, i colori dell’esilio, oggi, ieri, nel XIII e XIV secolo, tra la Provenza e Castel del Monte».

Si tratta dell’evento che si terrà in varie località della provincia di Pistoia dal 12 settembre al 1 novembre 2009, promosso, con il contributo della sezione soci Coop di Pistoia, da un pool di enti e associazioni culturali: Pistoia un Club per l’Europa, Fondazione Conservatorio San Giovanni Battista, Amici di Groppoli, Comune e Provincia di Pistoia e Regione Toscana.

L’iniziativa è stata illustrata nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte il sindaco Renzo Berti, l’assessore provinciale alla cultura Chiara Innocenti, il presidente di Pistoia un Club per l’Europa Andrea Ottanelli, la presidente della sezione soci Coop di Pistoia Dora Donarelli, gli artisti ed alcuni relatori: Lucia Fiaschi, curatrice della Casa Studio Venturino Venturi e Anna Brancolini, critica d’arte.

Un evento senza precedenti a Pistoia, per come è articolato. Saranno esposte opere visuali di Filippo Basetti, Alfredo Bini, Andrea Dami, Astrid Hjort, Dario Longo (fotografie, installazioni, video, sculture, frottage) a Pistoia nelle vetrine della Biblioteca San Giorgio, nelle stanze delle Sale Affrescate del Comune, nel Chiostro di Santa Lucia del Conservatorio San Giovanni Battista e nell’oratorio San Carlo (una performance il 17 ottobre) a Monsummano Terme.

Durante la manifestazione, dal 18 settembre al 24 ottobre, si svolgerà un ciclo di conferenze tenute da esperti di arte, di storia, di matematica, di letteratura, di musica e di botanica nel salone delle conferenze della Fattoria di Celle a Santomato, nella Biblioteca San Giorgio di Pistoia, nella Biblioteca Comunale di Monsummano Terme e nella sala di Villa Groppoli.

momtecatiniblog

Pistoia: I colori dell’esilioultima modifica: 2009-07-09T16:06:23+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento