……..e ri-Firenze: Kataklò con “Up”

KATAKLò A FIRENZE CON “UP” AL TEATRO PUCCINI! UN’IMPERDIBILE SPETTACOLO DI DANZA!!

SPETTACOLI: VENERDì 19 E SABATO 20 ORE 21 DOMENICA 21 ORE 16.45

BIGLIETTI da 17 a 24 euro PRESSO LA BIGLIETTERIA DEL TEATRO O DIRETTAMENTE SU INTERNET

LO SPETTACOLO:

Up è un opera che trae ispirazione dalla montagna e dai suoi paesaggi. È un occasione di riflessione sul rapporto tra uomo e natura, il tutto reinterpretando la montagna con i suoi pericoli e i suoi più impenetrabili misteri, con la natura così compiuta nella sua meravigliosa perfezione.

La montagna è un’entità fisica, imponente e massiccia. Per non perdersi nella sua immensità, non resta che scomporla e strutturare lo spettacolo in quadri. Ogni quadro frammenta, dettaglia e interpreta un aspetto della montagna per poi ricomporla in un tutto. Essenziale e dinamico.

La montagna è anche l’entità che incarna da sempre le metafore della staticità e dell’immutabilità. Kataklò interpreta la stabilità col movimento, l’eternità col gesto che si esaurisce e si trasforma nello spazio di un secondo.

CHI SONO I KATAKLO’?

Conosciuta e apprezzata oltre i confini nazionali per i suoi spettacoli di incredibile abilità fisica e sofisticata inventiva, Kataklò è una compagnia stabile e indipendente fondata a Milano nel 1995 da Giulia Staccioli. È una risposta alle grandi produzioni che dimostra come in Italia esista una realtà legata al physical theatre che con produzioni proprie riempie i teatri di tutto il mondo.

Il nome deriva dal greco antico e significa “Io ballo piegandomi e contorcendomi”. La ricercatezza della scrittura coreografica e teatrale di Kataklò ha l’emozionante potere di comporre scenari surreali, di creare illusionismi e abbattere le barriere dell’immaginazione superando ogni confine culturale, linguistico e generazionale. E questo grazie all’inconfondibile e spettacolare miscela di movimenti corporei, passi di danza, atletismo acrobatico, mimica, humor, suoni, luci e costumi.

La formazione dei danzatori

Lo stile di Kataklò si basa sin dagli esordi sull’alta formazione atletica, oltre che su una notevole tecnica di danza, di tutti gli interpreti. La rappresentazione di uno show della compagnia è molto dura e impegnativa ed è per questo determinante la preparazione sia fisica sia mentale dei performer. L’allenamento, lo studio e le prove del cast hanno luogo ogni giorno, dalle sei alle otto ore, in un ampio spazio alle porte di Milano, dove i danzatori sono costantemente seguiti da figure professionali quali coreografi, attori, preparatori atletici, osteopati, istruttori di Shaolin e Tai Ji Quan.

La duttilità di un performer è fondamentale per seguire la formazione all’interno della compagnia. Serve un forte potenziale artistico, energetico e teatrale. Proprio per questo più esperienze si fanno in ambiti diversi, più si è poliedrici e più è possibile entrare in profondo contatto con lo spirito Kataklò. Una volta inseriti in compagnia, i danzatori seguono un lungo training (da sei mesi a un anno) per poter assimilare al meglio il repertorio ed entrare a pieno titolo nei cast di Kataklò.

Il processo creativo

Altro tratto caratteristico della compagnia è il particolare processo creativo adottato. Partendo infatti dall’elaborazione e dalla definizione dell’idea coreografica, nei successivi passaggi d’invenzione e composizione l’approccio metodologico del direttore artistico Giulia Staccioli si pone come obiettivo di guidare i danzatori attraverso un percorso di partecipazione attiva alla creazione. Lo sviluppo dell’idea artistica avviene attraverso intere sessioni e periodi di improvvisazione, sollecitando la capacità di ogni performer d’inventare e di sperimentare tecniche e linguaggi nuovi.

Dal 2006 Staccioli è assistita nella direzione artistica e nello sviluppo dell’idea coreografica da Jessica Gandini, danzatrice e coreografa. Questa preziosa collaborazione ha contribuito a rendere ancora più profondo il legame fra l’intensità del linguaggio della danza e la forza del gesto acrobatico che da sempre caratterizza lo stile della compagnia.

Kataklò è un work in progress, un progetto dinamico e in continua evoluzione. Una filosofia di vita.

……..e ri-Firenze: Kataklò con “Up”ultima modifica: 2010-02-11T11:59:00+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento