……..e ancora Livorno: Primavera delle Scienza

 

Torna, puntuale come sempre, la Primavera della Scienza, il calendario di appuntamenti che il Comune di Livorno promuove per diffondere nella cittadinanza l’interesse verso il mondo scientifico ed i suoi saperi. Trentaquattro gli incontri in programma da aprile a giugno, con un protagonista: il mare; il mare in tutti i suoi  molteplici aspetti e l’influenza che ha sulle persone, nella città, nell’ambiente in cui viviamo.

Coinvolte, anche quest’anno (è la sesta edizione), istituzioni quali l’Accademia Navale, associazioni ed enti che daranno vita a conferenze, visite guidate ed osservazioni astronomiche.
I livornesi avranno modo di aggiornarsi sugli strumenti per la previsione dei dati metereologici e sulle future missioni nello spazio per affrontare le emergenze in mare. Ma potranno anche tuffarsi nel passato per riscoprire come veniva praticata anticamente la pesca a Livorno e conoscere  le attività dei vecchi pesciaioli, corallai ed ostricai.

Tra mappe, carte nautiche, astrolabi, molluschi , vecchie galere e moderne navi ro-ro, sarà possibile fare una “full-immersion” nel nostro mare per conoscerne risorse, segreti e bellezze. Astrofisici, chimici ed esponenti di rilievo nazionale del mondo della scienza riferiranno su nuove scoperte, nuove teorie e nuove tematiche da affrontare. E, in prossimità della stagione balneare, dermatologici e neuropsichiatri offriranno indicazioni utili per affrontare l’estate in buona salute.

“Il tema del mare come filo conduttore di tutte le iniziative viene riproposto- sottolinea l’assessore alla Cultura del Comune di Livorno Mario Tredici – in rapporto all’inaugurazione, ormai prossima, del grande acquario marino “D.Cestoni”: una struttura che sarà leva importante di rilancio turistico della città e luogo di cultura scientifica . Livorno del resto vanta una antica e gloriosa tradizione in questo campo fin dal ‘700, proprio grazie al naturalista Diacinto Cestoni, a cui l’acquario è intestato. E la presenza di oltre 15 mila livornesi registrati nelle precedenti edizioni della Primavera della Scienza, così come il numero sempre più alto di associazioni, enti e gruppi coinvolti nell’organizzazione del calendario, sono testimonianza della vitalità del tessuto scientifico cittadino e dell’interesse che la scienza suscita in tanti. Mi auguro che questo desiderio di scienza continui e che i tanti soggetti coinvolti riescano a creare un coordinamento in modo da offrire alla città programmi ed iniziative sempre più interessanti e di alto livello”.

Ecco gli appuntamenti in calendario che si terranno in diversi spazi della città:  alla Biblioteca Labronica, al Museo di Storia Naturale, all’Istituto Cappellini , in Accademia Navale, allo Scoglio della Regina e in Fortezza Vecchia.

Si  inizia con l’ANISN ( Associazione nazionale insegnanti scienze naturali) che organizza per l’8 aprile alla Biblioteca Labronica  la conferenza “Il ruolo delle risorse alimentari marine nell’evoluzione umana”, un’indagine su come siamo sopravvissuti ai mutamenti climatici ed ambientali grazie a ciò che il mare ci ha dato. Sabato 10 aprile in Fortezza Vecchia l’UAAR (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti) organizza “La seconda Sindone” , una conferenza -mostra  su uno studio di archeologia sperimentale condotto dal chimico Luigi Garlaschelli. In Fortezza Vecchia sarà esposta questa seconda sindone a grandezza naturale, del tutto simile a quella custodita a Torino. La S.A.It (Società Astronomica Italiana) organizza più conferenze : “Le maree e le correnti di Messina” con l’ammiraglio Giovanni Carta ( 14 aprile), ” Uso e  costruzione dell’astrolabio” con Fabrizio Mazzucconi dell’Osservatorio di Arcetri ( 16 aprile) la “Navigazione ai tempi delle galere” con Silvestro Raffone (22 aprile) e  “I vulcani sottomarini” con Roberto Santacroce (7 maggio). All’ALSA (Associazione Livornese Scienze Astronomiche) è affidata l’organizzazione di tre osservazioni astronomiche che si terranno nelle serate del 16, 23 e 26 aprile alla Rotonda di Ardenza ma anche al Castellaccio. Il consorzio LAMMA contribuirà al cartellone con l’organizzazione di seminari specifici sulla meterologia: “Dati metereologici e sicurezza in mare” con Gabriele Brugnoni (21 aprile); “Strumenti e modelli per la misura e previsione dei dati meteo marini” con Stefano Taddei (28 aprile) e ” Immagini da satellite e sicurezza in mare” con Bartolomeo Doronzo (19 maggio).

L’Accademia Navale di Livorno ci condurrà il 15 maggio “Alla scoperta dei fondali marini” attraverso una conferenza in cui saranno illustrati i metodi per la costruzione e la lettura di una carta nautica, indispensabile per la navigazione. Nell’occasione la prestigiosa Università del mare aprirà i propri cancelli per una visita guidata all’interno della struttura.

Visite guidate saranno organizzate anche dal F.A.I.(Fondo Ambiente Italiano) a San Fruttuoso (l’8 maggio) e dal Gruppo Speleologico Archeologico Livornese ai Grottoni di Giannutri (16 maggio). Il 20 maggio (giornata europea del mare) ed il 4 giugno (giornata mondiale dell’ambiente) Arpat Porte Aperte, con visite guidate ai laboratori ed al battello oceanografico “Poseidon”. Nel mese di maggio, su prenotazione, si potranno effettuare visite guidate anche al Centro di Tecnologie per il Mare dello Scoglio della Regina. L’Istituto Nautico A. Cappellini, attraverso i propri docenti e allievi, organizza una visita  al “Porto Mediceo”( l’8 maggio) ed apre le porte del proprio Planetario il 21 e 28 aprile.

Il Gruppo D. Cestoni, insieme all’Università della Terza Età (sezione di Livorno), propone la conferenza “Dalla comparsa dell’acqua sulla terra alla nascita di Marte” (17 aprile) con l’astrofisico Bruno Barsella che riferirà  sull’affascinante ipotesi  dell’origine dell’acqua  dalle stelle comete;  e sempre il Gruppo D.Cestoni con l’Unesco il 29 aprile promuove l’incontro con Maria Luisa Stringa, presidente del centro Unesco di Firenze che riferirà su “L’impegno dell’Unesco per la Scienza” . Il Gruppo Malacologico Livornese darà il proprio contributo con “Il mare cambia: specie non native a Livorno – i molluschi”  (13 maggio) in cui Enzo Campani parlerà del sensibile cambiamento subito dal mar Mediterraneo negli ultimi 50 anni, mentre il Gruppo Botanico Livornese si occuperà di alghe con la conferenza “Le nostre alghe:la curiosità del profano e la ricerca del biologo” con Enrico Cecchi il 25 maggio. L’associazione culturale Caffè della Scienza “Nicola Badaloni” organizza per il 14 maggio un incontro sulla Piattaforma Logistica Costiera per ascoltare i punti di vista delle istituzioni, degli operatori e del mondo accademico; sempre il Caffè della Scienza chiuderà poi il programma con la tavola rotonda del 4 giugno sul “Ruolo delle Amministrazioni locali per la conservazione della biodiversità marina”. Il Centro Studi Enriques farà luce sul complesso “Problema delle longitudini a terra ed in mare” (21 maggio in Fortezza Vecchia)  e proporrà “Nuove teorie sulle correnti oceaniche” (28 maggio in Biblioteca Labronica).

In prossimità della stagione balneare non mancheranno appuntamenti legati alla salute, preziosi suggerimenti e proposte su come proteggersi dal sole e assumere un corretto stile di vita. La società Medico-Chirurgica Livornese organizza a tale proposito per il 12 maggio la conferenza “Il mare e la pelle” mentre La LIRI promuove “La salute vien dal mare” in calendario per il 19 maggio in Fortezza Vecchia. L’11 maggio torna anche quest’anno lo psichiatra Matteo Preve che parlerà di “Stagionalità in psichiatria” (Biblioteca Labronica).

Da non perdere la giornata di sabato 29 maggio in Fortezza Vecchia  dove una manifestazione in costume, a cura dell’associazione La Livornina, rievocherà l’attività dei pescatori, pesciaioli  ed ostricai di un tempo. In contemporanea  Michele Montanelli terrà una conferenza sulla “Pesca nel mare di Livorno fra il XVII e IXX secolo” corredata di filmati multimediali. Di particolare interesse sarà inoltre la conferenza “I colori del mare nella pittura”  a cura  del professor Francesco De Luca della Galleria degli Uffizi di Firenze organizzata dal F.A.I. per il 15 aprile in Fortezza Vecchia.

davidone67

……..e ancora Livorno: Primavera delle Scienzaultima modifica: 2010-04-02T16:24:44+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “……..e ancora Livorno: Primavera delle Scienza

Lascia un commento