Arezzo: Camilla Trinchieri

Camilla Trinchieri presenta il suo romanzo 'Cercando Alice

AREZZO – Secondo appuntamento, mercoledì 19 maggio alle 18 presso la Biblioteca Città di Arezzo, con Libri e diversità, il ciclo di incontri organizzato dall’associazione Nausika con il contributo dell’Assessorato alla Pari Opportunità e Integrazione del Comune di Arezzo.
Ospite è la scrittrice Camilla Trinchieri, con il romanzo Cercando Alice.

Cercando Alice, 2010, Edizioni Marcos y Marcos
Lei aveva lasciato gli Stati Uniti per amore, seguendo il marito in Europa in pieno nazismo. Ora che il sogno d’amore è finito si vede negare anche la libertà di movimento, il desiderio di allontanarsi con i figli da una guerra che sente profondamente ingiusta. Bloccata nella Roma fascista Alice tenta di difendere la famiglia che le resta, di mantenersi lucida e combattiva nonostante tutto. Fugge verso la Svizzera e la libertà, ma scompare nel nulla in una notte gelida, mentre valica le montagne con le figlie Susan e Claire. Dodici anni dopo quella tragica notte, Susan aspetta un figlio. Ha bisogno di fare chiarezza sulla fine misteriosa di sua madre. Vuole sapere.

ImmagineCamilla Trinchieri è una scrittrice italiana naturalizzata statunitense, figlia di padre italiano e madre americana. È nata a Praga e, grazie al mestiere del padre diplomatico, ha avuto la possibilità di girare il mondo. Dopo la laurea conseguita al Barnard College di New York si trasferisce a Roma, dove ha trascorso diciassette anni lavorando nel cinema come assistente al doppiaggio di registi del calibro di Federico Fellini, Luchino Visconti, Lina Wertmuller e molti altri. Nel 1980, quando la sua vita privata va in tilt si trasferisce di nuovo a Manhattan, dove inizia a scrivere e pubblica nove romanzi, l’ultimo dei quali, The Price of Silence, è stato tradotto e pubblicato in Italia nel 2008 con il titolo Il prezzo del silenzio. Dal 1997 Camilla Trinchieri è cittadina statunitense.

arezxzoweb

Arezzo: Camilla Trinchieriultima modifica: 2010-05-19T09:31:21+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento