Pietrasanta (LU): Marco Paoli

Ballads

a cura di Alessandro Paladini 

Presso Palazzo Panichi del Comune di Pietrasanta, si inaugura BALLADS, progetto fotografico di Marco Paoli. BALLADS e’ sia un libro, pubblicato da Giunti Editore, che una mostra: una selezione di 16 opere di un corpus di immagini ben piu’ ampio.

BALLADS e’ un atlante personale, e’ il racconto di un lungo viaggio, intrapreso da tempo, che ha dato vita, grazie all’insaziabile necessità di Marco Paoli di esplorare il mondo, a un incredibile archivio visivo fatto di volti, particolari, città, situazioni e scenari diversi, accordati sul ritmo lento e riflessivo proprio della ballata. La musica e’ l’altra passione dell’artista e in questi lavori emerge con forza.

-Corrisponde il lavoro di Marco Paoli – sottolinea Philippe Daverio nella sua presentazione – ad un’intrigante scommessa: puo’ la fotografia assumere l’incertezza della memoria?- In questo senso Marco Paoli gioca con la memoria, con la visione onirica degli oggetti. Le opere qui esposte sono il frutto di procedimenti di sovrapposizioni multiple di immagini, sia scattate in giro per il mondo sia di suoi dipinti realizzati con stratificazioni di cere di natura diversa, sulle quali poi l’artista ha agito con un delicato e attento montaggio digitale. E le fotografie che vediamo, perche’ questo e’ il risultato finale, hanno la densità materica e cromatica della pittura. -Pittura e fotografia dunque – scrive Daniele De Luigi – un’unione che ha innumerevoli precedenti in tante forme diverse, ma che trova qui, in BALLADS, un esito piuttosto singolare.-

Il mondo di Marco Paoli e’ un turbinio di apparizioni, di immagini dense e trasparenti allo stesso tempo, fatte di tanta ricerca. Sono storie che si possono leggere a piu’ livelli che Rory Cappelli paragona a un haiku, forma giapponese di meditazione estetica che regala momenti di assoluto godimento. Cosi’ tra le varie BALLADS si percepisce Bombay, si intuisce lo scenario di un arrivo in treno alla Stazione Termini a Roma, oppure l’aeroporto di Francoforte con le sue piste di atterraggio, Cuba con le tre figurine ritagliate delle ballerine all’Havana, le giostre a Delhi, Madras, lo spazio dinamico di New York ma anche composizioni di fiori, di rose, quelle che Marco ha coltivato con cura e ha catturato con il suo obiettivo.

Marco Paoli
E’ nato a Tavarnelle Val di Pesa, in Toscana, nel 1959. Vive e lavora a Firenze. Dopo aver studiato al DAMS a Bologna, negli anni ’80 ha lavorato nel cinema e in teatro con Alessandro Benvenuti e i Giancattivi. Ha fatto parte dei -GMM – Giovanotti Mondani Meccanici-, gruppo storico multimediale che ha usato nuove tecnologie nel teatro, nel cinema e ha realizzato performance e concerti in gallerie d’arte, musei, spazi urbani, club, radio e televisioni. Del giugno 2009 e’ la mostra AmazonLife Project. Viaggio in Amazzonia nei Giardini della Botanica inferiore – Giardino di Boboli a Firenze dove ha esposto, un progetto fotografico sull’Amazzonia, cura di Cosimo Chiarelli, promosso da Amazonlife. 

Palazzo Panichi
piazza Duomo, Pietrasanta
Orario: giovedi’ e venerdi’, prefestivi e festivi, ore 16-19
ingresso libero

undo

Pietrasanta (LU): Marco Paoliultima modifica: 2010-06-19T09:04:22+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento