Londa (FI): Un pezzo di Svizzera in Toscana

E’ stato inaugurato il Nuovo Parco Fluviale di Londa (3 Km di alvei dei torrenti Rincine e Moscia e due laghi, il Lago “Storico” di Londa e il nuovo lago sul Torrente Moscia) che parte sul Torrente Rincine da località Molino del Pino fino al confine con Dicomano, e dal un nuovo lago situato sul fiume Moscia fino alla confluenza con il Rincine (nel luogo che storicamente ha dato il nome al paese denominato L’onda).

Tre Km di alvei e due laghi attrezzati, grazie al contributo di AER SpA, con panchine, tavoli da picnic (diversi di questi predisposti per accogliere persone che hanno difficoltà a muoversi) e cestini.

Per il Sindaco di Londa – Aleandro Murras – si tratta di “Un luogo incontaminato ove si possono passare intere giornate in pace a contatto con la natura. Un pezzo di Svizzera in Toscana.”

“Con il lavoro degli operai forestali della Comunità Montana della Montagna Fiorentina e dei tanti volontari, che ringrazio, – continua il Sindaco – sono stati puliti gli argini dei torrenti che fino a poco fà erano impraticabili perchè pieni di rovi. Ora sono stati resi alla disponibilità di tutti i cittadini, così come è stato reso utilizzabile il nuovo lago sul torrente Moscia grazie alla realizzazione di gradevoli sponde ove prendere il sole o passare il tempo libero in mezzo alla natura”.

Ed è stata presentata la Zona di Pesca a regolamento specifico No Kill denominata “L’Onda”.

La zona a pesca regolamentata si estende per circa tre chilometri all’interno del centro abitato di Londa, sarà gestita dalle associazioni dei pescatori.

In questa zona, che comprende anche il nuovo lago sul Torrente Moscia, si dovrà praticare una pesca senza esca viva, con ami senza argiglioni e i pesci salmonidi autoctoni pescati saranno immediatamente rilasciati un acqua.

La Zona “No Kill” non comprenderà il Lago Storico di Londa dove la pesca sarà consentita a tutti anche se per un numero limitato di pesci ciprinidi.

“Grazie al contributo dell’Amministrazione Provinciale di Firenze e all’impegno dell’Associazione dei pescatori di Londa – conclude Murras – abbiamo potuto realizzare la zona a Regolamento specifico No Kill e la Zona di Protezione sul lago storico. La gestione oculata dei fiumi permetterà ai pescatori, ma anche a tutti i cittadini di poter riavvicinarsi all’acqua e riappropriarsi degli alvei. Con l’accordo fatto con i pescatori abbiamo la garanzia della manutenzione delle sponde dei torrenti, Londa sarà sempre più bella e accogliente, siamo veramente soddisfatti.”

Londa (FI): Un pezzo di Svizzera in Toscanaultima modifica: 2010-09-14T16:18:00+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento