Prato: Thomas Ruff

Riportare l’arte negli spazi del potere e negli spazi sociali, riappropriandosi dell’antica tradizione europea che vedeva le grandi opere protagoniste di chiese e palazzi pubblici. E’ in questa direzione che si muove il progetto curato da Pier Luigi Tazzi, una personale di Thomas Ruff dislocata in diversi spazi tra Prato, Montemurlo e Carmignano: Palazzo Buonamici, oggi sede della Provincia di Prato; l’Ex Cimatoria Campolmi che ospita la Biblioteca Comunale Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini; Villa Giamari, anch’essa sede della Biblioteca Comunale locale; lo Spazio d’arte Alberto Moretti/Schema Polis.
Le opere selezionate provengono dall’intero corpus della produzione dell’artista: dai “Portraits”, i ritratti dei compagni d’accademia in grande formato, ai “Nudes”, immagini erotiche in bassa definizione scaricate dal web; dai “Substrat”, basate su astrazioni da immagini di manga elaborate digitalmente, ai “jpegs”, in cui l’ingrandimento dell’immagine digitale rivela la struttura dei pixel, alterando i meccanismi di percezione. Il percorso espositivo si conclude negli spazi di Dryphoto arte contemporanea, dove sono raccolti libri, cataloghi, edizioni sull’artista. Abbiamo intervistato il curatore…

Prato: Thomas Ruffultima modifica: 2010-10-31T11:18:00+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento