Chiusure (SI): Festa della dicioccatura

I sapori tipici delle Crete Senesi sposano la tradizione e la storia dell’antico borgo di Chiusure. Domenica 7 novembre torna il tradizionale appuntamento con la “Festa della dicioccatura: il carciofo di Chiusure tutto l’anno” nell’ambito del Festival del cibo delle Crete Senesi, manifestazione organizzata nei borghi delle Crete Senesi per celebrare i prodotti simbolo che rendono questo territorio rinomato nel mondo.

La giornata densa di appuntamenti sarà dedicata alla dicioccatura, l’operazione che annualmente si effettua sulle piante di carciofo in questo periodo dell’anno; una pratica che consiste nel togliere alla pianta i carducci, che verranno utilizzati nello stand gastronomico allestito nel cuore del borgo a partire dalle 11,30.

Dalle 10,30 lungo le vie del borgo sarà possibile passeggiare e curiosare tra i numerosi stands artigianali e agroalimentari del Mercatino della Dicioccatura mentre alle 11 e alle 15,30 cittadini e turisti potranno andare alla scoperta della pianta con una visita guidata alla carciofaia (raduno in Piazza del Pozzo) durante la quale saranno spiegate anche le diverse fasi di coltivazione della pianta.

Dalle 11.30 i carducci saranno protagonisti dello stand gastronomico in abbinamento con i prodotti tipici del territorio e dalle 15,30 fino a sera canti, suoni e musiche popolari con la Banda del Torchio.

La Festa della Dicioccatura si inserisce in un ricco calendario di appuntamenti promossi dall’amministrazione comunale di Asciano e dall’Associazione Castello di Chiusure con l’intento di salvaguardare e valorizzare la produzione dal prodotto più antico e autentico di questo territorio, il Carciofo di Chiusure. Una festa che va ad aggiungersi alla primaverile “Chiusure in piazza” quando è possibile gustare proprio il carciofo.

Per informazioni: Biancane Servizi al Turismo, tel. 0577/718811

fonte: IMpress

di C. S. per teatronaturale

Chiusure (SI): Festa della dicioccaturaultima modifica: 2010-11-06T09:55:00+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento