Pisa: People Mover (ossia tram elettrico) Stazizone-Aereoporto

La data “fatidica” è 31 dicembre 2015, giorno in cui “il trenino elettrico” fra Stazione e Aeroporto dovrebbe essere in funzione. Una corsa ogni otto minuti per 18 ore al giorno. Queste le previsioni d’impiego per due chilometri di tracciato dei quali almeno un terzo “in quota”, così da raggiungere il primo piano del “Galilei”.
 
28 milioni di euro dalla Regione Toscana, una variante al piano strutturale e al regolamento urbanistico, approvata giovedì scorso dal Consiglio Comunale: condizioni di partenza per l’avvio dei prossimi lavori.

Durante la presentazione del progetto il primo ringraziamento del sindaco Filippeschi va al presidente della Regione Enrico Rossi: “La delibera con la quale la regione ha stanziato 27,8 milioni per questo progetto è frutto di una precisa volontà politica dell’Amministrazione Regionale, che dimostra con i fatti la volontà di continuare a investire sul nostro aeroporto, al di là delle polemiche di cui si è discusso a lungo in questi giorni”.

Secondo il progetto preliminare elaborato dalla Sat il tracciato sarà lungo quasi due chilometri, di cui 1.400 a raso e 440 in quota. Uno dei due capolinea, infatti, si troverà all’altezza del primo piano dell’aeroporto. Tre le fermate previste: “Galilei”, “Stazione Centrale”, subito dopo il binario 14 – l’ultimo sul lato di San Giusto dove sarà realizzata una nuova apposita fermata – mentre la terza sarà all’altezza del parcheggio scambiatore di Pisa Sud, a cavallo dell’Aurelia.

“E’ un progetto fondamentale per lo sviluppo del nostro aeroporto – ha spiegato Gina Giani, Amministratore Delegato e Direttore Generale di SAT – già oggi, infatti, circa il 21% dei viaggiatori raggiunge il “Galilei” con il treno in partenza dalla Stazione e, una volta realizzato il People Mover, contiamo di superare il 30%».

Costo del progetto: 70milioni di euro. 28, come già detto in apertura, saranno erogati dalla Regione, i restanti saranno oggetto di ricerca da parte della società di scopo che verrà costituita entro il prossimo gennaio e posta sotto il controllo dell’amministrazione comunale.

Fissata la data di chiusura dei lavori: 31 dicembre 2015. “Non è un’ipotesi teorica – ha affermato l’assessore comunale all’Urbanistica, Fabrizio Cerri – Se non lo facciamo funzionare entro quella data perderemo una parte dei finanziamenti”. Il percorso della navetta passa da terreni di proprietà delle Ferrovie, eccezion fatta per un tratto lungo via Zucchelli: “Quattro famiglie le cui case sorgono sulla previsione di tracciato, subiranno sicuramente dei disagi, ma contiamo di trovare una soluzione soddisfacente per tutti” ha continuato l’assessore.

Al riguardo, le ipotesi al momento sul tavolo sono due: “Se le quattro famiglie accetteranno, abbiamo già individuato un’area in via di Goletta, sempre nel quartiere di San Giusto, in cui trasferirle: le case avranno una volumetria superiore a quella in cui risiedono attualmente. Altrimenti cercheremo di giungere a un accordo bonario. Comunque sia – ha poi proseguito Cerri – non sarà necessario ricorre all’esproprio dal momento che il tracciato del People Mover si estende sulla proprietà di queste famiglie, ma non sulla loro abitazione».

Secondo le prospettive il progetto entrerà dunque nella fase esecutiva da aprile 2012.

pisanotizie

Pisa: People Mover (ossia tram elettrico) Stazizone-Aereoportoultima modifica: 2010-12-20T17:48:00+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento