Arezzo: Nicola Baronti


Gli auguri per il nuovo anno con una poesia tratta dalla piccola suite di Nicola Baronti dal titolo 46 Capodanni pubblicata su Arte e Pensiero 2011, a cura delle Edizioni Helicon di Arezzo

(L’età di Giano)
Il vecchio anno attende al suo ordine assoluto,
astrazione di stanze familiari, di cose tangibili
nella morbosa possessività per destini attesi,
finché il giorno non volta faccia, il dado si riposa
nell’entusiasmo vezzoso di contraddizioni,
come i giorni giovanili, pungenti ed alterni,
la divina follia che non sta in margini di foglio.
Dietro queste mie mura, che nascondono
mappe del cuore annodate da pugni fanciulli,
scaglio lontano giavellotti per nuovi amori
e una febbre altissima assale, allunga di luce
i pomeriggi, corrompe benigna,
anno dopo anno, quella voglia all’infinito
dell’essere per essere,
coerente.


arezzoweb

Arezzo: Nicola Barontiultima modifica: 2011-01-02T11:34:00+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento