Rio nell’Elba (LI): La strada del Parco Minerario dell’Elba

Dopo l’allarme lanciato dall’ex presidente del Parco minerario dell’Elba, Lorenzo Marchetti, sul progetto di realizzare una circonvallazione intorno al paese di Rio Marina (definita “spacca parco”) per smaltire il nuovo traffico portuale, le dure risposte del sindaco di Rio Marina, l’onorevole Udc Francesco Bosi, che rilancia parlando di interessamento dell’Anas per trovare i finanziamenti e addirittura di nuove infrastrutture stradali all’Elba per richiamare ancora più auto di turisti (per la verità in forte calo). Anche Legambiente era intervenuta ricordando che l’area che dovrebbe essere interessata da un intervento molto pesante non è solo parco minerario, ma anche Zona di protezione speciale dell’Unione europea e Parco nazionale, con vincoli e norme (tra l’altro approvate dal Comune riese) che l’onorevole Bosi deve applicare e non interpretare secondo i suoi sentimenti, sulla vicenda, che ha chiari retroscena elettorali, visto che a Rio Marina si vota in primavera. Ora interviene anche Beppe Tanelli, già presidente del Parco nazionale dell’Arcipelago toscano e notissimo geologo

Il professor Tanelli scrive: «Nulla è di per se veleno,…è la dose che fa il veleno! Più o meno scriveva così Paracelso, il celebre medico ed alchimista svizzero del Cinquecento. E’ una massima, che come sappiamo , si applica in molte cose della vita, ivi compreso la strada progettata entro il Parco Minerario. La strada , può essere una opportunità, sia per alleggerire il traffico all’ interno di Rio Marina, sia per potenziare la fruizione e la valorizzazione delle emergenze naturalistiche e culturali del Parco Minerario. Tutto dipende dal suo tracciato, dalle sue dimensione e dai collegamenti materiali e culturali che saprà sviluppare nella sua progettazione e realizzazione.

Non è una cosa facile, ma l’ ultima cosa che possiamo auspicare è vedere due fronti scontrarsi senza dialogo e mediazione. Quello dei “riformisti” che vedono nella quantità il futuro dell’Elba e pensano che raddoppiando o triplicando i residenti, aumenti la forza contrattuale dell’Isola, così da acquisire le risorse per nuove strade, sanità ed istruzione, collegamenti marittimi ed aerei… Quello dei ” conservatori”, di cui faccio parte, i quali ritengono che il futuro, e la forza contrattuale, sia quella di incrementare e diversificare la qualità della offerta turistica, poiché l’ Isola ha dei limiti fisici oggettivi, oltre i quali implodono servizi e qualità della vita, dei residenti e dei turisti, e si aprono scenari socio-economici ad alto rischio.

Il Parco Minerario vede di anno in anno aumentare i suoi visitatori, nonostante molteplici difficoltà. Gli interventi realizzati dal Comune hanno riqualificato e messo in sicurezza vaste aree ex-minerarie, e la drastica diminuzione di rischio idrogeologico ne è la riprova. Ancora sono molte le cose da fare, ma tanto è stato fatto. Una cosa è certa. Il patrimonio naturalistico, culturale e scientifico legato alle aree minerarie è un valore di risonanza internazionale; una risorsa unica ai fini sociali ed economici. Il dialogo, la chiarezza ed il concreto confronto dei progetti si impone, di fronte ad una opinione pubblica che ha dimensioni globali.

Poco prima di Natale ho accompagnato un amico giapponese al Museo del Bargello a Firenze. E’ un illustre storico dell’arte dell’Università di Tokio, che conosce molto bene il Mondo ed il nostro Paese, compresa l’Elba. Voleva vedere le ceramiche in “Porcellana medicea” conservate nel Museo. Sono ceramiche dalla squisita fattura, bianche, decorate in blu cobalto, realizzate nella seconda metà del Cinquecento nel laboratorio voluto da Francesco I de’ Medici. E’ stato il primo tentativo riuscito, di fabbricare in Europa ceramiche di porcellana . Erano più di due secoli, dai viaggi in Cina di Marco Polo, che si tentava di individuare la materia prima idonea ed i giusti processi tecnici di fabbricazione.

“In genere, si crede che le argille caoliniche usate per le porcellane medicee siano venute dal Veneto, ma “mi disse l’amico giapponese” è stato rintracciato un vecchio documento secondo il quale è probabile che l’ “argilla bianca purissima”, usata nelle porcellane medicee venisse cavata nella Terra di Rio”. Un altro piccolo tassello, almeno per me sconosciuto, sul “Patrimonio Elba”».

greenreport

Rio nell’Elba (LI): La strada del Parco Minerario dell’Elbaultima modifica: 2011-01-10T17:34:00+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento