Firenze: Vanity F_Air

di Lucia Giardino

Contemporaneamente a Pitti Uomo, l’evento più illustre della moda a Firenze, nella stessa città apre Vanity F_AIR, una mostra che tramite tre artisti contemporanei di diversa estrazione artistica e geografica, indaga il concetto tradizionale di vanitas. Dario Bartolini, Marco Mazzoni, Josephine Wister Faure, riflettono, con differenti approcci, linguaggi, e media ed in maniera seria o ironica, sulla vanità e sulle aspirazioni umane.

La mostra presenta vari formati: sculture sospese di materiali non convenzionali, fotografia, istallazioni. Tutto concorre a fare da commento ad un tema che da secoli intriga parimenti artisti ed intellettuali, e, più di recente, il mondo della moda.

Per il vernissage il tema della vanità nel cibo, sarà interpretato da Apicius, International School of Hospitality a Firenze.

I tre artisti in mostra saranno presentati da una nota introduttiva scritta da altrettanti scrittori /storici dell’arte /artisti:

Dario Bartolini, presentato da Renato Ranaldi
Marco Mazzoni, presentato da Mariantonia Rinaldi
Josephine Wister Faure, presentata da Lucia Giardino

Bio artisti

Dario Bartolini (Trieste 1943) vive e lavora a Firenze.

Dopo il Liceo Artistico frequenta la Facoltà di Architettura di Firenze. Dal 1965 al 1973 fa parte di Archizoom, con cui realizza progetti e concretizza molti dei suoi interessi nel campo del disegno, della fotografia, della tecnologia, del vestire, dell’elettronica ecc. Parte del gruppo è anche Lucia Morozzi, che sposerà nel 1969. Con Archizoom partecipa all’importante mostra sul design Italy, the new domestic landscape al MoMA di New York (1972). Intanto costruisce la sua casa sulla via Volterrana e nascono i due figli Ernesto e Giuseppe. Prosegue la ricerca sull’abbigliamento con Lucia Morozzi e nel 1973 partecipa alle mostre Dressing Design alla Cappella Undergroung di Trieste e a Vestirsi è facile, alla Triennale di Milano. Fino al 1989 Dario Bartolini è attivo nel campo dell’editoria, in quello dell’abbigliamento e dell’intimo e si occupa di didattica e formazione, a Firenze ed in Toscana. Nel 1989 torna a dipingere. Dal 1995 il rapporto con l’arte s’intensifica: nascono le sculture sospese, nate da studi di equilibri ed incastri. I materiali sono tondini di ferro o di vetro usati come disegni in tre dimensioni. Le opere scultoree così prodotte appaiono in mostre, istallazioni all’aperto e commissioni pubbliche, come il palo delle comunicazioni per lo stadio di Scandicci (2004) o l’istallazione Luce, al nuovo ospedale pediatrico Meyer di Firenze (2005).
http://www.dariobartolini.net

Marco Mazzoni (San Gimignano1965) vive e lavora a Prato

Coreografo, performer e artista visivo si forma come danzatore nel 1997 a Firenze con Antonietta Daviso, lavora in diverse produzioni operistiche con autori e registi tra i quali Sylvano Bussotti, Derek Jarman, Giorgio Battistelli; nel 1989 si trasferisce a New York per seguire il Professional Training Program al Merce Cunningham Studio, si avvicina alla contact improvisation, alla performance e alle arti visive, nel 1994 di nuovo a Firenze lavora con Roberto Castello e Virgilio Sieni, nel 1995 è cofondatore di Kinkaleri, collettivo di artisti la cui pratica si sviluppa attraverso spettacoli, performance, istallazioni e pubblicazioni, condividendo la creazione e programmazione di tutti i progetti, parallelamente al lavoro del gruppo sviluppa una ricerca personale nel campo delle arti visive.
www.mazoo.it

Josephine Wister Faure vive e lavora a Parigi.
Dopo aver studiato in Vermount, torna a studiare a Parigi, all’ École Nationale Supérieure des Beaux-Arts de Paris, che termina nel 2002. Da allora la sua carriera d’artista si concentra nella produzioni di opere scultoree, istallazioni e performance, caratterizzate da grande ironia e riflessione sul mondo contemporaneo.
http://www.josephinewisterfaure.com

F_AIR Florence Artist in Residence
via san gallo, 45r – Firenze
Orario: lunedi-venerdi 12 – 18

undo


Firenze: Vanity F_Airultima modifica: 2011-01-13T10:27:22+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento