Firenze: Tutti ai fontanelli

Cosa spinge migliaia di cittadini a mettersi in coda ai fontanelli con bottiglie, taniche o fiaschi di vetro portati da casa? La crisi economica? La voglia di sfuggire al rito della spesa nei centri commerciali? Una rinnovata sensibilità verso la sostenibilità ambientale?

Si parlerà di tutto questo in una conferenza stampa in programma per lunedì 24 gennaio, alle 11.30 (Sala Gigli Consiglio Regionale Toscana, via Cavour 4) e organizzata per fare il punto sull’esperienza dei fontanelli pubblici nel territorio provinciale, regionale e nazionale.

Nel corso dell’incontro saranno anche presentati i dati di un monitoraggio compiuto da Assonaturizzatori e Sidea Italia – l’azienda che con il suo brevetto di naturizzazione è stata premiata con il Logo Toscana Ecoefficiente 2010 ed è stata finalista per il Premio Vespucci 2010 – su 13 fontanelli: 2.500.000 litri di acqua naturizzata equivalgono a 2.500.000 di bottiglie di plastica da 1 litro di minerale risparmiate, 400.000 Kg di petrolio in meno, 250.000 Kg di gas serra in meno nell’atmosfera; 200.000 € di risparmio per la collettività per i costi di smaltimento; 500.000 € di risparmio per le famiglie rispetto ai costi dell’acqua minerale.

Partecipano all’incontro:


Gian Luca Lazzeri
– Segretario Questore Consiglio Regionale Toscana

Giacomino Tavanti – Presidente Assonaturizzatori

Fabio Roggiolani – Presidente Ecquologia

Renzo Crescioli – Assessore Territorio ed Ambiente Provincia di Firenze

Maurizio Semplici – Sindaco Barberino Val d’Elsa

Simona Forzoni – Assessore Ambiente Greve in Chianti

Fernando Montesoro – Assessore Ambiente Montelupo Fiorentino

Leonardo Pasquini – Assessore Lavori Pubblici Pontassieve

Simona Bonafè – Assessore Ambiente Scandicci

Sabrina Benenati – Assessore Ambiente S.Gimignano

Francesco Fossati – Assessore Infrastrutture Castiglion Fiorentino

Lorando Alunni Ferracci – Settore Istituzioni Sidea Italia

 

 

Firenze: Tutti ai fontanelliultima modifica: 2011-01-21T16:56:49+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento