Castelnuovo Berardenga (SI): Il Castello di Bossi

Francesco Turri per oliovinoepeperoncino

Il terroir è quello senese di Castelnuovo Berardenga, all’estremo sud della denominazione, dove le arenarie stratiformi e i sedimenti marini, incontrando l’aria calda e asciutta proveniente dal Tirreno, che garantisce la maturazione completa ed uniforme di un’uva, il Sangiovese, ostica sotto questo profilo, danno Chianti di buon corpo e dal bouquet penetrante e complesso.

Senza giungere all’eccellenza della Riserva Berardo della medesima azienda, la cui  personalità decisa, peraltro, vuole l’amatore dei Chianti potenti e rustici, è un bell’esempio di come si possa solleticare il gusto internazionale senza eccedere col legno e banalizzare un vino che è pur sempre una bandiera dell’enologia nazionale.

È   pacioso e corposo al punto giusto e non rinuncia, però ad una certa complessità: aromi intensi di tostatura, liquirizia, menta, fieno e sentori di frutti di bosco, di ciliegia e di viola, il tutto avvolto da una confortevole morbidezza e favorito dal corretto equilibrio tra i tannini e l’alcol.

In tavola vuole primi di qualche sostanza, in particolare le zuppe di fagioli e le variate paste e fagioli di cui abbonda l’Italia, e le carni arrostite, sicché è vino che può agevolmente accompagnare l’intero pasto.

La spesa è attorno ai 18 euro, poco meno o poco più in relazione all’annata.

FT

http://eshop.selectus.it/index.php?main_page=product_info&cPath=68_124&products_id=3090

Castelnuovo Berardenga (SI): Il Castello di Bossiultima modifica: 2011-01-25T10:10:00+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento