Arezzo: Gli americani scoprono Giorgio Vasari

Nell’anno dedicato a Giorgio Vasari, il 2011, a 500 anni dalla sua nascita, due illustri aretine, Daniela Galoppi, direttrice del Museo Diocesano e grande esperta della tecnica pittorica di Giorgio Vasari, e Serena Nocentini, che guida il Museo Gozzoli di Casterfiorentino, sono state invitate a New York, giovedì 10 febbraio per tenere una lezione davvero speciale, alla platea del College Art Association. Successivamente anche l’università del massachusetts con sede a Boston ha organizzato una serie di conferenze attraverso le quali verranno passati al setaccio gli aspetti più disparati dell’arte di Giorgio Vasari.

La relazione di Daniela Galoppi esaminerà “La tecnica pittorica ed il disegni” di Giorgio Vasari ed una buona parte del suo intervento sarà dedicato al recente restauro dell’altare vasariano.

Serena Nocentini, invece, offrirà alcune proposte di lettura sul significato delle storie dipinte nel 1548 nella sala del trionfo della virtù, l’opera più discussa e complessa, dal punto di vista iconografico eseguita da Vasari nella sua casa aretina.

Anche Mauri di Vito, esperto di iconologia botanica, collaboratore dell’Università di Pisa sarà presente agli appuntamenti americani per spiegare i simboli sconosciuti nelle opere del Vasari. Tutto ciò accade mentre ad Arezzo non si conoscono ancora  le sorti del prezioso archivio Vasariano. Gli eredi Festari, dell’antico archivio, stanno cercando di riannodare gli accordi con i russi mentre gli acquirenti russi dichiarano, nella stampa internazionale che le trattative non proseguono. Il nostro sindaco, Giuseppe fanfani ha chiesto ripetutamente al Ministero per i beni culturali l’acquisto dei preziosi carteggi ma il prezzo richiesto di 150 milioni di euro è davvero pazzesco!

arezzoweb

Arezzo: Gli americani scoprono Giorgio Vasariultima modifica: 2011-02-10T10:52:03+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento