Livorno: La Caprillina

 Angela Simini per costaovest

Con i suoi otto anni di successi di pubblico e di spettacoli, con un bilancio in attivo più che soddisfacente, euro 14.000, la associazione Culturale La Caprillina si dota della Fondazione omonima “ L’Associazione acquista una veste nuova: abbiamo inteso così guardare al futuro con uno strumento più solido sotto il profilo giuridico, sia per promuovere ulteriormente le nostre attività e la qualità degli spettacoli, sia per non perdere le nostre conquiste”, così il presidente Attilio D’Alesio ha motivato la neonata Fondazione La Caprillina, ratificata il 13 gennaio 2011 presso il notaio Miccoli.

E traccia il bilancio di un percorso tutto in salita. Dal 2003, quando, quasi per scommessa, gettò la prima pietra della collaborazione con la Labronica, gestore dell’Ippodromo, e organizzò i primi spettacoli con la valida collaborazione del direttore artistico Fulvio Venturi, l’Ippodromo Federico Caprilli ha aperto i cancelli non solo agli appassionati delle corse di cavalli, ma anche ad un pubblico sempre più numeroso che ha gustato tanti spettacoli piacevoli nella verde e stupenda cornice del galoppatoio.

Di conseguenza anche gli sponsors sono aumentati ed hanno investito con maggior fiducia nella Caprillina che faceva da polo di richiamo estivo anche per i turisti, il che ha garantito livelli sempre più alti di produzione. A conti fatti, il revisore dei conti, Francesco Tedeschi, ha potuto annunciare un bilancio attivo di euro 14.000, che, in questi tempi di crisi, ha fatto da sprone per iniziare un cammino verso nuove iniziative più sicuro e concreto. A Fulvio Venturi infine il compito di illustrare nello specifico le variegate attività della Caprillina: presentazione di libri, mostre, convegni e conferenze, spettacoli e concerti di pregio (si pensi alla performance del pianista Bruno Canino di fama internazionale e alla rappresentazione della Mandragola di Machiavelli, che, portata in scena dalla Compagnia Spazio Teatro, gareggiava per vis comica e professionalità degli attori con le compagnie ufficiali). Ed un plauso anche a Giuseppe Pancaccini, che ha fatto da grande richiamo ed ha garantito due ore di risate e di spensieratezza.

Un grazie ad Annalaura Bachini che ha curato la parte grafica di locandine e manifesti. Il senso di fondo dell’Associazione è proprio quello di dare spazio ai talenti, di promuovere uno spirito di socializzazione e di espressione nel quale il pubblico possa riconoscersi , anche con proposte e idee nuove: si riassume il tutto nel geniale motto della Caprillina: Ideodrom, dove le idee corrono. E si pensa già di far correre anche le idee dei giovani e di dedicare uno spazio “tutto per loro”. Intanto sono aperte le iscrizioni ai nuovi aderenti che rivestiranno il ruolo di Soci Fondatori, con un versamento di euro 150.

Livorno: La Caprillinaultima modifica: 2011-02-28T15:29:09+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento