Firenze: Un premio per la pace

Da quest’anno il Premio Letterario Firenze per le Culture di Pace, dedicato a Tiziano Terzani assume una connotazione più forte.
L’intenzione è quella di mettere in luce esperienze concrete e azioni di pace, sia nella forma della testimonianza scritta, letteraria, che nella azione effettivamente compiuta da parte di individui o gruppi, da documentare anche con video, scritti, immagini.
L’obbiettivo è di stimolare una presa di coscienza sempre più grande sulla necessità dell’impegno di ogni essere umano per la pace.
Il Premio è organizzato dalla associazione Un Tempio per la Pace che ha sede nel Liceo Artistico di Firenze, un esempio importante di collaborazione col mondo della scuola, in collaborazione col Comunedi Firenze, la Provincia di Firenze e Regione Toscana.

Questo il bando con le modalità di iscrizione e la scadenza:

Premio Letterario Firenze per le Culture di Pace
dedicato a Tiziano Terzani
VI edizione 2011

Il “Premio Letterario Firenze per le Culture di Pace, dedicato a Tiziano Terzani” è promosso e organizzato dall’Associazione Onlus “Un Tempio per la Pace” in collaborazione con la Regione Toscana, la Provincia di Firenze, e con il Comune di Firenze.
Il Premio, giunto alla sua sesta edizione, è dedicato a Tiziano Terzani come omaggio a un grande testimone dell’incontro fra culture diverse, una voce fondamentale del nostro tempo sul cammino di pace.
Da quest’anno il Premio amplia i suoi orizzonti, oltre all’aspetto letterario dedica un riconoscimento ad un’azione di pace. Questo per dare attenzione a persone non conosciute che da Firenze, città operatrice di pace, operano in situazioni conflittuali, con azioni disinteressate che possono essere di esempio alle nuove generazioni.
Il Premio si articola in tre sezioni:
due dedicate alla scrittura per la pace e una per le azioni di pace.

Il Premio letterario è di prosa. Si possono scrivere racconti, memorie, diari, lettere, testimonianze e saggi. Da quest’anno il contenuto deve essere centrato su un’azione di pace, come esperienza realmente vissuta, dove l’azione può assumere nella sua concretezza molteplici significati: dall’azione di pace in terre lontane a quella nel luogo dove si vive, fino all’agire su se stessi per la propria crescita interiore.
Consta di due sezioni: A) inediti B) editi.

– Sezione A: opere inedite “Un’esperienza di pace”
Questa sezione è dedicata a tutte le persone che vogliono testimoniare il loro impegno e la loro esperienza/azione personale di pace.
Il testo, di lunghezza non eccedente le 20 cartelle
(30 righe a cartella e corpo carattere 12), deve essere in lingua italiana (eventuali brani in lingue straniere riportando la traduzione a fronte) e sarà spedito in cinque copie dattiloscritte. È richiesta una ulteriore copia su cd nei più comuni programmi di scrittura. È necessario inviare le generalità dell’autore (nome, cognome, indirizzo, data di nascita, telefono, e-mail) entro il 15 giugno 2011 (farà fede il timbro postale) all’indirizzo:
“Premio Letterario Firenze per le Culture di Pace, dedicato a Tiziano Terzani”, presso Associazione Onlus “Un Tempio per la Pace”, Liceo Artistico L.B. Alberti, via Magliabechi 9 – 50122 Firenze.

– I testi inediti risultati vincitori saranno pubblicati in un volume che sarà oggetto di ampia diffusione e testimonierà l’impegno della nostra città e della Toscana nel campo delle iniziative di pace.

– Sezione B: opere edite “Un’esperienza di pace”

Il testo vincitore da quest’anno sarà scelto dalla giuria fra i testi pubblicati nell’ultimo triennio nel panorama editoriale italiano. Sarà premiata la testimonianza di un’azione per la pace significativa.
Il Premio consiste in una targa e in un’opera d’arte.

– Premio speciale “Una vita per la pace”
Il Premio consta di due sezioni:
a) azione concreta a livello personale o di gruppo da documentare con scritti, immagini, video. Si tratta di documentare il proprio lavoro in un contesto di conflitto, dalle guerre alle situazioni di intolleranza sociale, culturale e religiosa, in terre lontane così come nel proprio territorio.

Questa sezione a) richiede l’iscrizione da parte del proponente con le stesse modalità scritte di seguito.

b) Il riconoscimento dell’attività di una personalità a livello internazionale di promozione della cultura di pace.

Per le due sezioni “Una vita per la pace”verrà assegnato un premio in denaro da parte della Regione Toscana.
Inoltre l’associazione si impegna a far conoscere e sostenere, e rendere visibili nella maniera più efficace queste iniziative nelle scuole e in occasioni pubbliche.

– La partecipazione al concorso prevede un versamento di
€ 15,00, come quota associativa, sul c/cp n.17018508, intestato a Associazione Onlus “Un Tempio per la Pace”, con causale
“Premio Letterario Firenze per le Culture di Pace, dedicato a Tiziano Terzani”. E’ necessario inviare insieme all’opera in concorso la ricevuta del versamento.

– Gli autori cedono gratuitamente il diritto di pubblicazione e rappresentazione delle opere concorrenti all’organizzazione del Premio, pur rimanendo in possesso del proprio diritto d’autore.

– Le opere inviate non saranno restituite.

– Il materiale raccolto sarà esaminato e selezionato a proprio insindacabile giudizio da una commissione giudicatrice composta da membri dell’associazione, presieduta da Angela Staude Terzani e coordinata da Marco Marchi, docente di Letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università di Firenze.

– Per il Premio speciale la commissione sarà integrata da rappresentanti del Comune di Firenze, della Provincia di Firenze e della Regione Toscana che esaminerà una rosa di candidature proposta dai promotori del premio.

La cerimonia di premiazione si terrà nell’autunno 2011 in Palazzo Vecchio.

Per informazioni
Segreteria: “Un Tempio per la Pace”, presso Liceo Artistico L.B. Alberti, via Magliabechi 9 – 50122 Firenze, tel. 055.2476004, fax 0552268690 (la mattina dalle ore 9.30 alle 13.00).
e-mail: segreteria@untempioperlapace.it
www.untempioperlapace.it

Firenze: Un premio per la paceultima modifica: 2011-03-11T15:18:19+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento