Nozzano (LU): Le nuove Cateratte

il taglio del nastro

Le Cateratte di Nozzano all’avanguardia per portata e per tecnologia. Sono, infatti, terminati i lavori di ammodernamento ed ampliamento dell’impianto di Nozzano, progetto interamente finanziato dalla Provincia di Lucca, con 680mila euro. 

Si è svolta la cerimonia del taglio del nastro del nuovo casello, alla quale hanno preso parte il presidente della Provincia di Lucca, Stefano Baccelli, l’assessore Benedetto Stefani del Comune di Lucca, il Segretario generale dell’Autorità di Bacino del Serchio, Raffaello Nardi, l’assessore provinciale alla Difesa del Suolo, Silvano Simonetti e il dirigente del Servizio Difesa del Suolo di Palazzo Ducale, ingegner Gennarino Costabile e che ha rappresentato l’occasione per presentare i lavori effettuati e le novità che li hanno caratterizzati. ».  

L’impianto di Nozzano fu costruito ai primi del Novecento; venne, poi, potenziato negli Anni Cinquanta e, prima dei lavori era provvisto di due idrovore, una degli Anni Sessanta e una, più recente installata nel 2000, dall’Ufficio Regionale del Genio Civile.  Con l’opera realizzata dall’amministrazione provinciale si è effettuata la sostituzione dell’idrovora degli Anni Sessanta, che è stata rimpiazzata da una nuova pompa, che ha una portata massima di 2 metri cubi al secondo, a fronte dei circa 0,8 metri cubi della vecchia. E’ stato, inoltre, elettrificato l’impianto, in modo da poterlo avviare in modo più veloce e sicuro. Il nuovo impianto è stato dotato di un gruppo elettrogeno, in modo da poter funzionare in maniera autonoma, anche in caso di interruzione della corrente elettrica.  La nuova configurazione dell’impianto fa sì che la portata sollevata passi da 1.8-2 metri cubi al secondo a un massimo di 3.2-3.4 metri cubi al secondo. 

UN CLICK PER ATTIVARE LE CATERATTE
– Le emergenze, con questo intervento, si potranno gestire attraverso i computer. I lavori, infatti, hanno riguardato anche l’automatizzazione del casello: grazie al nuovo sistema, il personale reperibile dell’Ufficio Difesa del Suolo della Provincia sarà avvisato per mezzo di un sms sul cellulare dell’emergenza. A quel punto, grazie a un software di gestione, appositamente creato per questo tipo di strutture, si potrà gestire l’impianto, attivando anche dall’ufficio cateratte ed idrovore, fronteggiando in tempo reale le emergenze. L’automatizzazione permette all’Ufficio Difesa del Suolo della Provincia di monitorare 24 ore su 24 l’intero impianto, per mezzo di pc installati negli uffici, tenendo, in questo modo, costantemente sotto controllo quanto avviene alle Cateratte di Nozzano.

loschermp

Nozzano (LU): Le nuove Cateratteultima modifica: 2011-03-15T10:45:00+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento