Arezzo: Il futuro del turismo (secondo l’assessore regionale)

“Tranquillizzarvi tutti è il mio primo pensiero. Comprendo che ogni cambiamento faccia scattare qualche dubbio – ha esordito l’assessore regionale al turismo Cristina Scaletti, che aveva accanto l’assessore provinciale Rita Mezzetti Panozzi, i dirigenti regionali e di Toscana Promozione in occasione di questo quarto incontro del tour in atto di confronto con i territori -, ma il nostro scopo è adeguare l’offerta toscana ai cambiamenti che si stanno verificando nel confronto domanda-offerta nel settore turistico mondiale”.

Nessuna volontà accentratrice nelle decisioni da assumere, aggiunge l’assessore, ma solo la necessità di razionalizzare la struttura, anche in presenza di adeguamento dei bilanci che la Regione sta attuando rispetto alla contrazione dei contributi statali. “Il turismo toscano vive una stagione di recupero dopo il periodo di crisi iniziato nel 2007.

E’ infatti tornato a quei livelli, con circa 42 milioni di presenze registrate nel 2010, con un forte recupero in particolare delle presenze straniere. Occorre – è il giudizio dell’assessore Scaletti – sfruttare al meglio questa ripresa, lavorando sui mercati tradizionali, ma anche su quelli emergenti dei cosiddetti Paesi BRIC (Brasile, Russia, India e Cina). Tenendo conto che al ritorno delle presenze non corrisponde l’altrettanto essenziale dato economico del recupero dei fatturati d’impresa.

Dobbiamo insistere – ha concluso Scaletti – puntando su quella percezione di qualità che rappresenta il valore aggiunto dagli operatori e dagli amministratori toscani nella costruzione del sistema turistico sostenibile, ricchezza di oggi e di domani nella nostra offerta di accoglienza. Noi metteremo a disposizione gli strumenti più moderni e adeguati, come dimostra lo sforzo che stiamo facendo con Fondazione Sistema Toscana sul web.

Faremo questo in modo concordato, chiamando Province, Camere di commercio e rappresentanti delle categorie, insieme alla Regione, nella cabina di regia che abbiamo istituito allo scopo di decidere insieme le strategie; e queste saranno il frutto del recepimento di quanto ci indicheranno i tavoli tecnici territoriali, attraverso i quali saremo in grado di capire specificità e necessità locali”. Un impegno ribadito dall’assessore provinciale al turismo Rita Mezzetti Panozzi, che ha confermato la volontà dell’amministrazione aretina di svolgere a tutto tondo il ruolo gestionale e di coordinamento affidatole dalla nuova organizzazione: “In un momento di crisi produttiva profonda nella provincia, il settore turistico offre una possibilità per far ripartire, grazie alle ricchezze ambientali e culturali possedute, tutta l’economia dell’area”.

arezzoweb

Arezzo: Il futuro del turismo (secondo l’assessore regionale)ultima modifica: 2011-03-28T10:12:00+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento