Carrara: Gli affari di Toscana Promozione

Lanciato a San Paolo un progetto di promozione turistica

All’evento presenti 200 operatori e gli attori di Passione, telenovela girata in Toscana

immagine

Dopo l’India il Brasile. Toscana Promozione punta sul paese sudamericano per far crescere ulteriormente i flussi di turisti stranieri nella nostra regione. E per farlo cavalca l’onda del successo riscosso dalla Telenovela Passione, girata tra Firenze e Siena e andata in onda in 200 paesi da marzo 2010 a febbraio 2011. Un evento televisivo prodotto da Rede Globo che ha fatto nascere, in Brasile, un vero amore per la Toscana: i dati rilevati dal Comune di Firenze alla fine del 2010, quando la novela era ancora in corso, parlano di un +90% di arrivi di turisti brasiliani nella sola città di Firenze………..Il nostro obiettivo è, dopo Firenze e Siena, quello di far conoscere l’intera offerta turistica regionale e le varie tipologie ricettive della nostra regione».

Ma ecco l’amaro commento di ottopassi, battagliero blog carrarese:

Nei pacchetti destinati ai turisti brasiliani, ci sono la riviera apuana, le cave dele marmo, la Lunigiana? (Ma anche Pisa, Grosseto, l’Elba, la Garfagnana, Lucca, la montagna pistoiese….ecc.)

 
Carrara: Gli affari di Toscana Promozioneultima modifica: 2011-04-13T17:59:00+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Carrara: Gli affari di Toscana Promozione

  1. Caro Ottopassi, vorrei rasserenarti. La notizia, che ho personalmente pubblicato sul sito di Toscana Promozione, riguarda l’evento lancio di un progetto che coinvolgerà gli operatori turistici di tutta la Toscana. Il modello è quello già utilizzato per il “Progetto India” che oggi vede, tra i soggetti coinvolti, oltre 70 tra operatori e strutture ricettive di Pisa, Tirrenia, Chianciano Terme, Marina di Massa, Montespertoli, Marina di Carrara, Viareggio, Capolona, Rapolano Terme, Pisa, Arezzo, Pistoia ecc. ecc. Tanto per fare qualche esempio. Il nostro obiettivo è di fare la stessa cosa in Brasile. Un caro saluto. Nicola Maggi

Lascia un commento