Carrara: Marittimo a bassa velocità

Gli armatori non solo ordinano meno navi di nuova costruzione, ma al massimo comprano navi usate.
Il fatto che l’armatore carrarese Enrico Bogazzi attraverso la società inglese Navalmar Uk da lui controllata abbia rilevato due navi bulk carrier Handy-max (da 45.269 tonnellate di portata), costruite nel 1996 e nel 1997, per un valore di 30 milioni di euro, ha fatto immediatamente immaginare che “la crisi potrebbe essere più lontana”.
In realtà Enrico Bogazzi in una intervista a MF Shipping & Logistica, di oggi  ha dichiarato: “Sbaglia chi legge in quest’ultimo investimento da noi affrontato un sentimento di ripresa del mercato. La crisi economica continua e l’attuale situazione in Libia non fa che peggiorare ulteriormente le cose”.

Non solo, l’armatore si dice scettico perché non vede segnali di ripresa a medio-breve termine.
Ed ha ricordato che di fronte a due nuovi acquisti, negli anni scorsi ha mandato in demolizione qualcosa come 28 navi, cogliendo l’occasione per smentire l’acquisto per 16 milioni di dollari della nave Happy Success che gli era stato attribuito.

ottopassi

Carrara: Marittimo a bassa velocitàultima modifica: 2011-04-16T16:56:16+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento