Viareggio (LU): Alberto e Ruggero Sargentini

Sarà inaugurata sabato 23 aprile alle 17,30 a Palazzo Paolina la mostra ” I Sargentini un bouquet di colori e coriandoli ”  dedicata a due protagonisti della Viareggio del secolo scorso: i fratelli Alberto e Ruggero Sargentini.

(Pietro Carlo) Alberto Sargentini (1898 – 1971) organizzò nel 1920 con Giuseppe Giannini ed Ernesto Tomei una trasferta di ‘studio’ del Carnevale di Nizza. Da quel viaggio prese il via il Carnevale di Viareggio come lo conosciamo oggi. Presidente della manifestazione per lunghi anni accompagnò la manifestazione al suo massimo sviluppo con un operato irreprensibile guadagnandosi la stima e la riconoscenza di tutta la città.

Ruggero Sargentini (1902 – 1995) pittore diplomato alla Regia Accademia di belle Arti di Lucca, fu amico e auitante del grande Lorenzo Viani. Artefice di una vastissima produzione di opere pittoriche a olio, partecipò a significative edizioni della ‘Biennale di Venezia’ e della ‘Quadriennale Nazionale d’Arte di Roma’.

La mostra curata da Enrico Dei alterna materiale documentario relativo ai carnevali presieduti da Alberto Sargentini, con foto, manifesti, cartoline d’epoca e pannelli didattici, a circa 70 quadri di Ruggero Sargentini che mostrano il percorso artistico partecipe di fermenti culturali della Versilia del Novecento.

Il motivo principale che cia ha spinto a organizzare questo evento – esprimono con una nota la Fondazione Carnevale e il Comune di Viareggio – è il voler quella certificazione di giusto riconoscimento ai Sargentini. Una famiglia dalle profonde radici viareggine che appartiene alla storia della nostra città. Lo scopo della mostra è anche motivato, con la speranza di dare una valenza educativa e didattica, che questo evento potrebbe e dovrebbe rivestire per le nuovegenerazioni”. 

Informazioni: www.albertoeruggerosargentini.it

 

Alberto Sargentini con Enrico Pea

loschermo

Viareggio (LU): Alberto e Ruggero Sargentiniultima modifica: 2011-04-21T16:42:17+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento