Livorno: Il Maggio Livornese

Marco Ceccarini per costaovest 

Non soltanto mostre, ma anche attestati e borse di studio, oltre a spettacoli, cortei e rappresentazioni in costumi tipici del Risorgimento. Il Maggio livornese, la kermesse che celebra la resistenza che i cittadini di Livorno opposero alle truppe austriache fra il 10 e l’11 maggio 1849, è stato presentato oggi, martedì 26 aprile, in Comune a Livorno.

I protagonisti delle celebrazioni, quest’anno, saranno i giovani delle scuole. Oltre 2 mila 500 studenti di Livorno, Cecina e Rosignano, infatti, verranno coinvolti nelle iniziative, sia come protagonisti che come destinatari di attestati ed assegni di studio. Il Comitato livornese per la promozione dei valori risorgimenti, in occasione dell’anniversario per i 150 anni dell’unità d’Italia, ha voluto che l’obiettivo fosse “incentivare la ricerca delle ragioni che sono state alla base dei grandi mutamenti europei” e che “dalle radici risorgimentali hanno portato alla conquista della democrazia”. In programma ci sono incontri con le scuole a Cecina il 4 maggio, a Rosignano il 5, a Livorno il 9 maggio.

A quest’ultimo incontro sarà presente il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi. Domani, intanto, ai Bottini dell’Olio, nel rione Venezia, aprirà i battenti una mostra allestita con i lavori degli studenti di alcune scuole elementari, medie e superiori di Livorno, tutti sui temi del ruolo dei patrioti livornesi e sul 150esimo dell’unità nazionale. Tra gli appuntamenti, anche l’intitolazione di un parco cittadino a Cesare Gattai, garibaldino livornese caduto nel 1860 a Calatafimi durante la spedizione dei Mille.

Il 14 maggio, infine, le celebrazioni della difesa risorgimentale del maggio 1849 si chiuderanno con l’alzabandiera a Porta San Marco, fulcro della battaglia tra livornesi e truppe d’Austria e Ungheria, alla presenza di centinaia di studenti e di gonfaloni, labari e delegazioni provenienti da ogni parte della Toscana e d’Italia. Prima, però, saranno portati gli onori alla statua di Giuseppe Garibaldi ed inoltre ci sarà il lancio dei paracadutisti della Folgore a rendere più suggestiva la cerimonia con cui si ricorderà l’atto di coraggio e di valore che, nel 1859, il popolo livornese fece prima ribellandosi all’occupazione austriaca e poi tentando di spezzare l’assedio con un moto rivoluzionario che sorprese, e non poco, l’agguerrita macchina dell’esercito austro-ungarico.

Livorno: Il Maggio Livorneseultima modifica: 2011-04-26T19:17:28+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento