Scarperia (FI): Infiorata per l’Artusi

La fine di maggio e l’avvicinarsi dell’estate, saranno a Scarperia ancora una volta all’insegna dei fiori. Torna infatti, nell’ultima domenica di maggio, il 29, l’Infiorata, antica tradizione che a Scarperia da quando è stata ripresa è alla trentesima edizione, creando autentici capolavori e valendo per gli artisti scarperiesi numerosi inviti a rappresentare i propri quadri, in tutta Italia e persino in Africa.

E quest’anno sarà un’Infiorata…all’insegna del gusto. La manifestazione vedrà infatti tra i protagonisti Pellegrino Artusi, in occasione dei 100 anni dalla sua scomparsa. Gli Infioratori renderanno omaggio a questo illustre personaggio con un quadro dell’infiorata che sarà dedicato ad uno dei suoi libri di cucina, che nell’Italia da poco unita, hanno svolto un ruolo primario nella diffusione della lingua italiana moderna. Sempre sulla figura di Pellegrino Artusi, alle 11.30 di nel Palazzo de Vicari, sarà dedicata una piccola conferenza.

Ma più in generale il tema scelto per questa edizione sarà “Noi che non leggiamo più” ed è stato scelto per rimarcare l’importanza della lettura a 360° visto che la moderna e globalizzata società ha fatto perdere di vista l’importante impegno nella lettura.

Tra i 4 rioni e le scuole i lavori, molto diversi fra loro, hanno tutti il filo conduttore del libro. Alcuni disegneranno le copertine dei libri, altri elaboreranno e rappresenteranno il testo…ma niente di più trapela fino al venerdì prima, quando iniziano a “fiorire” in via Roma e nelle piazze principali i disegni ingranditi pronti per essere “colorati” coi petali dei fiori debitamente “spetalati”.

I disegni sono realizzati con i petali dei fiori, principalmente garofani, che cittadini, alunni e commercianti pazientemente spetalano nei giorni precedenti. Garofani (circa 90000); fiori e foglie di acacia; fiori di ginestra; foglie di sottobosco; semi di grano, di orzo, di fava, di mais e di colza; torba e segatura: questi gli elementi che coloreranno le vie del paese mugellano. In una notte il disegno su carta, prende forma e colore sulla pietra, con la stesura di uno strato di colla sul piano del disegno ed in ultimo la paziente e accurata disposizione dei petali che offre per un giorno la visione di questo lavoro creativo. Colori vivissimi dati dai garofani, le sfumature dei verdi e dei marroni delle foglie, creando una suggestiva ed inedita visione dell’antico borgo medievale.

Per l’occasione sarà possibile visitare il Rinascimentale Palazzo dei Vicari, dal quale si gode anche un’eccezionale visione dall’alto dell’opera principale posta nella Piazza dei Vicari, e il Museo dei Ferri Taglienti al prezzo ridotto di 2 euro.

 

Scarperia (FI): Infiorata per l’Artusiultima modifica: 2011-05-03T15:29:16+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento