Pisa: Musica barocca

In attesa del Festival Toscano di Musica Antica, che aprirà i battenti il prossimo 29 giugno, la musica barocca fa capolino al Teatro Verdi venerdì 11 maggio (in Sala “Titta Ruffo”,alle ore 21), grazie alla collaborazione con la Fondazione Teatro di Pisa e al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Pisa, per un concerto dell’ensemble Auser Musici guidato dal pisano Carlo Ipata.

Con Auser Musici, protagonista sarà il pluripremiato controtenore Filippo Mineccia, in sostituzione della mezzosoprano Marina De Liso che, da tempo preannunciata nel cartellone della serata, a causa di un’improvvisa indisposizione non potrà partecipare a questa produzione.

Un’ora di musica barocca “In equilibrio sopra la follia”: dove, tra gli eccessi e le passioni delle arie di Haendel e Vivaldi, Telemann e Scarlatti, sarà eseguita la celebre triosonata La Follia di Vivaldi, da cui il titolo del concerto, e soprattutto verranno presentate in anteprima assoluta alcune opere del compositore di Camaiore Francesco Gasparini.

La prima esecuzione moderna di queste opere gaspariniane è il primo passo di un programma triennale sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pisa e fa parte del più vasto progetto Tesori Musicali Toscani di riscoperta e valorizzazione della musica antica toscana.

Ben cinque tra arie e sinfonie tratte da opere di Gasparini (L’Aiace, Oracolo del fato e Atenaide) vivranno dunque di nuova vita per la prima volta dopo quasi tre secoli, e potranno essere finalmente apprezzate sia in Italia che all’estero.

Il giorno successivo al concerto i musicisti partiranno infatti per una tournée che porterà la musica toscana prima a Tel Aviv (Israele) e quindi a St. Michel, Froville e Valloire in Francia, con un intermezzo lucchese per il Festival Opera Barga a luglio e una degna conclusione in Slovenia a settembre.

Biglietto unico 10 euro, prevendita presso il Botteghino del Teatro Verdi. Info: 050.941144

 

Pisa: Musica baroccaultima modifica: 2012-05-08T15:01:09+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento