Livorno: Tutti in bici

 Luigi Astori per costaovest

 Per domani, domenica 3 aprile, Legambiente ha promosso una passeggiata in bicicletta in città per attirare l’attenzione dei cittadini e dell’amministrazione comunale sui problema dell’inquinamento atmosferico e d  conseguenza per promuovere l’uso della bicicletta e la realizzazione di piste ciclabili. Inoltre Legambiente, come ogni anno con la campagna Mal’aria di città, questa volta edizione 2011, ha svolto un’importante ricerca sulla qualità dell’aria delle nostre città e da essa risulta che in generale in Italia non si “respira una bell’aria”: le principali fonti di emissione di inquinanti sono l’industria, i trasporti e il riscaldamento.

In un incontro con la stampa è stato posto l’accento sulla fonte “trasporti” stradali come principali responsabili della emissione in atmosfera di benzene, monossido di carbonio e ossidi di azoto senza dimenticare le polveri sottili.

La mobilità urbana è un aspetto fondamentale della vivibilità delle nostre città sempre più ingolfate dai mezzi di trasporto privati, con gravi ripercussioni sia individuali che collettive. Non è infatti solo un problema di ambiente ma anche di salute.

In fatto di emissioni, i trasporti stradali emettono le maggiori quantità di benzene (55 per cento), di monossido di carbonio (43 per cento), di ossidi di azoto (52 per cento), quantità a cui vanno aggiunte le 9.868 tonnellate di Pm10 emesse nel 2008. Sostanze responsabili di malattie respiratorie e tumori. Pertanto c’è l’esigenza che la politica locale incentivi al massimo la mobilità “dolce”, ciclabile e pedonale appunto, oltre al trasporto pubblico naturalmente.

Per questa ragione è stata proposta, da Legambiente, una biciclettata a Livorno, dove le distanze non sono eccessive e il terreno è pianeggiante per migliorare la qualità dell’aria e delle problematiche legate alla mobilità urbana come l’intenso traffico e la mancanza di parcheggi.

E’ stata associata alla passeggiata la possibilità di ascoltare, durante alcune soste, degli interventi illustrativi di aspetti storico-culturali della città proprio per evidenziare che la bicicletta non è solo un mezzo di trasporto che alla fine può facilitare gli spostamenti urbani e può anche consentire una fruizione del proprio ambiente più attenta e rilassata.

La passeggiata, partendo dal Comune attraverserà il quartiere della Venezia e proseguirà sul lungomare fino alla Rotonda d’Ardenza con soste dove i volontari di Legambiente daranno notizie storico artistiche sulla città.

“Profondamente convinti che le scelte individuali intervengono nelle relazioni sociali e nei mutamenti climatici sia in positivo che in negativo”, sostengono gli esponenti di Legambiente, “vogliamo sensibilizzare le persone sull’importanza di ogni singolo comportamento”.

Legambiente chiede al Comune una maggiore attenzione a questo tema perchè investa di più nell’educazione dei cittadini con campagne di sensibilizzazione e soprattutto nel realizzare le condizioni affinché effettivamente l’uso della bicicletta sia reso sicuro. Educare le nuove generazioni a una mobilità leggera attualmente è difficile perché i ragazzi in strada sono esposti a un rischio eccessivo.

L’associazione ambientalista chiede che più che contabilizzare il numero di chilometri si punti a creare una rete efficace che risulti attraente per i cittadini. Oggi le poche piste ciclabili esistenti non sono ben collegate tra loro, la via De Larderel è ancora interrotta, il viale Italia è oggetto di contenzioso con i pedoni ed i tratti di strada più pericolosi come l’Aurelia, sottolineano a Legambiente, ne sono quasi del tutto sprovvisti.

Appuntamento dunque a domani, alle 9,30, in piazza del Municipio, davanti a Palazzo Civico, per raggiungere la Rotonda d’Ardenza passando per il quartiere della Venezia, il porto e il viale Italia.

Livorno: Tutti in biciultima modifica: 2011-04-02T12:35:58+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento