Massa: Pane locale nelle mense

Educazione alimentare ed ambientale vanno di pari passo. Questo si evince e si conferma anche nel progetto della Coldiretti in provincia di Massa e Carrara, attraverso il quale si vuole portare il pane a km zero nelle mense delle scuole apuane. Tagliare i passaggi della filiera serve a garantire un risparmio al consumatore, un maggiore guadagno al produttore, vantaggi ambientali (riduzione ad esempio dei trasporti) e a riportare sulle tavole dei toscani il pane prodotto con farina di grano tenero locale. I primi a cui è stata spiegata l’importanza del progetto sono  500 alunni delle scuole dell’infanzia e delle primarie a cui è stata offerta una bruschetta accompagnata da olio extravergine di olive biologico della Lunigiana. L’iniziativa si è tenuta questa mattina nel centro storico di Massa, durante la giornata conclusiva del Festival della Pace promosso dall’associazione Amorea e realizzato con il contributo della Regione Toscana.

«Il progetto – ha informato Vincenzo Tongiani, presidente provinciale Coldiretti – ha come obiettivo principale quello di recuperare una filiera importante come quella del grano tenero che rischiava di scomparire, oltre a riportare sulle tavole delle mense scolastiche il vero pane certificato toscano prodotto e panificato a livello locale». Molto probabilmente nel prossimo anno scolastico le mense apuane potranno iniziare  Educazione alimentare ed ambientale vanno di pari passo. Questo si evince e si conferma anche nel progetto della Coldiretti in provincia di Massa Carrara, attraverso il quale si vuole portare il pane a km zero nelle mense delle scuole apuane. Tagliare i passaggi della filiera serve a garantire un risparmio al consumatore, un maggiore guadagno al produttore, vantaggi ambientali (riduzione ad esempio dei trasporti) e a riportare sulle tavole dei toscani il pane prodotto con farina di grano tenero locale. I primi a cui è stata spiegata l’importanza del progetto sono  500 alunni delle scuole dell’infanzia e delle primarie a cui è stata offerta una bruschetta accompagnata da olio extravergine di olive biologico della Lunigiana. L’iniziativa si è tenuta questa mattina nel centro storico di Massa, durante la giornata conclusiva del Festival della Pace promosso dall’associazione Amorea e realizzato con il contributo della Regione Toscana.

«Il progetto – ha informato Vincenzo Tongiani, presidente provinciale Coldiretti – ha come obiettivo principale quello di recuperare una filiera importante come quella del grano tenero che rischiava di scomparire, oltre a riportare sulle tavole delle mense scolastiche il vero pane certificato toscano prodotto e panificato a livello locale». Molto probabilmente nel prossimo anno scolastico le mense apuane potranno iniziare a servire il pane toscano. Gli agricoltori infatti, hanno già messo in coltivazione i terreni.

«C’è stato subito un forte interesse da parte dei produttori che possono ottenere di più rispetto a quando gli sarebbe normalmente pagato per un ettaro di grano grazie al taglio delle intermediazioni, e rimettiamo in moto una filiera che avvicina produttore, trasformatore e panificatore. La filiera corta premia tutti gli attori coinvolti senza precluderne gli interessi e i margini di guadagno. Riporta il rapporto ad uno stato di parità» ha concluso Tongiani.

Il grano, che sarà coltivato rigorosamente in Toscana, sarà macinato e lavorato da un consorzio interprovinciale che poi fornirà, ad una serie di fornai apuani partner del progetto, la farina di grano tenero. «Abbiamo già preso accordi con i fornitori di servizi delle mese che inseriranno il pane toscano nei menu delle scuole, e che a loro volta hanno già stretto accordi con i panificatori apuani- – ha aggiunto  Francesco Ciarrocchi, direttore provinciale Coldiretti –  La forza di questo progetto sta nella certificazione del prodotto finale, e nella tracciabilità dei passaggi, dalla semina del grano fino alla panificazione. I nostri bambini mangeranno il pane dei loro nonni e dei loro avi».

«C’è stato subito un forte interesse da parte dei produttori che possono ottenere di più rispetto a quando gli sarebbe normalmente pagato per un ettaro di grano grazie al taglio delle intermediazioni, e rimettiamo in moto una filiera che avvicina produttore, trasformatore e panificatore. La filiera corta premia tutti gli attori coinvolti senza precluderne gli interessi e i margini di guadagno. Riporta il rapporto ad uno stato di parità» ha concluso Tongiani.

Il grano, che sarà coltivato rigorosamente in Toscana, sarà macinato e lavorato da un consorzio interprovinciale che poi fornirà, ad una serie di fornai apuani partner del progetto, la farina di grano tenero. «Abbiamo già preso accordi con i fornitori di servizi delle mese che inseriranno il pane toscano nei menu delle scuole, e che a loro volta hanno già stretto accordi con i panificatori apuani- – ha aggiunto  Francesco Ciarrocchi, direttore provinciale Coldiretti –  La forza di questo progetto sta nella certificazione del prodotto finale, e nella tracciabilità dei passaggi, dalla semina del grano fino alla panificazione. I nostri bambini mangeranno il pane dei loro nonni e dei loro avi».

greenreport

Massa: Pane locale nelle menseultima modifica: 2011-04-11T20:00:00+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento