Livorno: Garibaldi a tavola e…..innamorato

 Gianfranco Porrà per costaovest 

Nella variopinta e affollata realtà del Villaggio della Vela allestito sulle banchine del Porto Mediceo in occasione del 28esimo Tan, Trofeo Velico Internazionale Accademia Navale e Città di Livorno, spicca, tra gli eventi collaterali di carattere culturale, la nona edizione dell’annule convegno nazionale “I cibi e il mare” organizzato dalla Delegazione di Livorno dall’Accademia Italiana della Cucina (Aic), istituzione culturale della Repubblica Italiana fondata nel 1953 da Orio Vergani e diffusa non solo nel Paese ma anche in tutto il mondo, la quale per il 150° anniversario dell’Unità di’Italia ha pensato di offrire una panoramica sull’Eroe dei Due Mondi, sui suoi forti rapporti con Livorno e sulla sua cucina.

Nell’ Auditorium del “Villaggio della vela” è in programma sabato 16, dalle ore 9,30 alle ore 12,00, il convegno nazionale “Garibaldi a tavola e….innamorato”, aperto al pubblico, .presenti – oltre alle autorità cittadine ed a quelle accademiche – numerosi convegnisti, provenienti da varie parti d’Italia.

Sotto la presidenza del Dr. Paolo Petroni, Segretario generale dell’A.I.C., avendo a moderatore il Prof. Franco Cocco, Coordinatore territoriale delle Delegazioni A.I.C. della Toscana occidentale, il Delegato di Livorno Avv. Sergio Gristina aprirà i lavori e dopo il saluto delle autorità presenti darà la parola al Dr. Alfredo Pelle, giornalista ed esperto di storia della gastronomia, il quale parlerà su “La cucina di Giuseppe Garibaldi”. Quindi l’Ing. Renzo Gonella, discendente della seconda moglie di Garibaldi – Francesca Armosino – parlerà su “Ricordi di Clelia Garibaldi”. A sua volta la Prof.ssa Rossana Ragionieri, ricercatrice e storica, intratterrà i presenti su “Garibaldi e gli amici livornesi”. Seguirà l’Avv. Riccardo Finocckì, esperto di armi sportive, che parlerà di “Garibaldi e il tiro a segno”, attività della cui diffusione fu fautore il grande nizzardo . Momento conclusivo dei lavori sarà la relazione del Prof. Fabio Bertini, Docente di storia al’Università di Firenze e Presidente del Comitato Livornese per i Valori Risorgimentali, dal titolo “Il Risorgimento e i 150 anni dell’Unità d’Italia”.

Trarrà le conclusioni il Prof. Franco Cocco e quindi i partecipanti effettueranno una visita agli stands del Villaggio della Vela. Alle 13,15 i convegnisti prenotati e gli ospiti si recheranno al Circolo Ufficiali “Ammir. F. Mimbelli” della Marina Militare, dove consumeranno un pranzo tematico con pietanze tratte dal ricettario garibaldino trascritto da Clelia Gonella e pubblicato nel 2002, ad iniziativa della Delegazione A.I.C. di Livorno, con la consulenza della scrittrice gastronoma livornese Franca Torsellini Chiavaccini, e per i tipi della Belforte Editori Librai. Le pietanze sono state scelte e sperimentate nel corso di uno stage selettivo tenuto presso l’Istituto Statale di Istruzione Secondaria Tecnica e Alberghiera di Rosignano Solvay nella sede di Castiglioncello, che ha autorevolmente collaborato alla iniziativa.

Dopo il pranzo i convegnisti saranno guidati alla visita in Accademia Navale di una serie di cimeli garibaldini e infine saranno invitati a visitare la grande mostra sul pittore impressionista Alfredo Müller, che è ospitata ai Granai del Museo Civico Giovanni Fattori.

Livorno: Garibaldi a tavola e…..innamoratoultima modifica: 2011-04-13T19:48:00+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento