Carrara: Malgrado la Libia, cresce l’export di blocchi

 


 In Libia esportiamo merci per un valore complessivo di 15,210 milioni di euro – scrivevo nel marzo scorso – che corrispondono ad appena l’1,2% del totale export di Massa-Carrara.
Naturalmente esportiamo soprattutto marmi. In particolare blocchi grezzi per un totale di 10,108 milioni di euro che rappresentano il 7,4% dell’export totale di grezzi e 2,179 milioni di euro di marmi lavorati che, a loro volta, valgono lo 0,9% dell’export totale di lavorati.
Complessivamente quindi la Libia concentra il 3,2% dell’export lapideo di Massa e Carrara.
Altre voci significative del commercio verso la Libia sono i macchinari di vario tipo per complessivi 1,6 milioni di euro.
Una curiosità, abbiamo inviato in Libia “Libri, periodici e prodotti di altre attività editoriali” (voce Istat JA581) per 5.200 euro…Cosa stampiamo per i libici? Boh?
Le nostre importazioni sono invece praticamente trascurabili, circa 250.000 euro.

Eventuali contraccolpi della crisi libica sull’economia di Massa e Carrara sono, di conseguenza, molto limitati, tanto più che in questa fase congiunturale, non è un problema trovare sbocchi commerciali per i blocchi grezzi di marmo bianco di Carrara.

Infatti, come dimostrano i dati recentemente pubblicati dall’Internazionale Marmi Macchine, il marmo in blocchi ed in lastre a livello nazionale nei primi cinque mesi del 2011 è incrementato di un ulteriore 5,9% in quantità e del 19,5% in valore secondo un trend di crescita che non ha conosciuto pause neppure negli anni 2008, 2009 e 2010.

 

ottopassi

Carrara: Malgrado la Libia, cresce l’export di blocchiultima modifica: 2011-08-31T18:00:02+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento