Firenze: La Reggione si dà all’etruscologia

La Regione scommette sugli Etruschi e sul fascino evocato dal mistero di questa civiltà per abbinare sempre di più cultura e turismo e rendere fruibile per tutti la conoscenza del grande patrimonio etrusco della Toscana.

Questo il senso della partecipazione della Regione all’edizione settembrina del Festival del Viaggio 2011, presentato stamani a Firenze nella sede del Museo di Antropologia ed Etnologia.

Lo ha ribadito l’assessore alla cultura e turismo della Regione, Cristina Scaletti, che ha partecipato alla conferenza stampa di presentazione tenuta nell’atrio del Museo. “Questo è un evento straordinario e di grande rilievo – ha detto Scaletti riferendosi al Festival – al quale la Regione partecipa ponendo il tema degli Etruschi in primo piano e facendone il fulcro di un’operazione che intende coniugare sempre di più la cultura e il turismo.” Scaletti ha sottolineato come gli ultimi dati “dimostrino il grande successo del turismo nelle città d’arte” e come questo “rappresenti la dimostrazione dell’importanza sempre crescente del turismo culturale”.

“Noi vogliamo – ha concluso l’assessore regionale – che questo diventi sempre più patrimonio diffuso, alla portata di tutti, e non soltanto di alcune fasce e abbiamo pensato che gli Etruschi, con il loro fascino straordinario fossero il tema giusto. Per questo nei nostri atti di programmazione, dal PRS (piano regionale di sviluppo) al PRSE (piano regionale di sviluppo economico) porremo sempre di più questo legame cultura-turismo perchè il grande patrimonio culturale della Toscana va fatto conoscere e diventare patrimonio di tutti.”

Il tema degli etruschi, con il titolo “Nel mondo digitale degli Etruschi- conferenza regionale sulla musealizzazione della civiltà etrusca” sarà l’argomento dell’incontro, che si svolgerà nell’ambito del Festival del Viaggio, cui parteciperò lo stesso assessore Scaletti, sabato 10 settembre dalle 18, nella sede del Museo di Antropologia ed Etnologia.

Ad affrontare il tema, insieme all’assessore regionale, ci saranno Carlotta Cianferoni, direttore del Museo archeologico di Firenze, Paolo Giulierini, direttore del Museo dell’Accademia Etrusca di Cortona, Simona Rafanelli, direttrice del Museo di Vetulonia e coordinatrice scientifica del progetto Etruschi, Francesco Tapinassi, direttore dell’Apt Maremma e Giovanni Pratesi, presidente del Museo di storia naturale.

 

Firenze: La Reggione si dà all’etruscologiaultima modifica: 2011-09-07T15:37:04+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento