Lucca: Progetto biomass

 


LUCCA, 1 marzo – Mantenere l’equilibrio delle risorse boschive disponibili in modo sostenibile nel tempo, rispettoso dell’ambiente e funzionale all’economia del settore agricolo-forestale: è questo uno dei principali obiettivi del Consorzio Agro-Forestale delle Colline Lucchesi presentato questa mattina durante una conferenza stampa presso il Comune di Lucca alla quale erano presenti il presidente della Provincia Stefano Baccelli, il sindaco di Lucca Mauro Favilla, gli assessori provinciali allo sviluppo economico Francesco Bambini e sviluppo rurale Diego De Santi, l’assessore comunale all’ambiente Maurizio Dinelli insieme al presidente del Consorzio Alessandro Manfredini.

L’iniziativa nasce lo scorso 24 febbraio 2012 nell’ambito di “Biomass”, progetto europeo che mira a favorire un utilizzo sostenibile della legna e di alcune colture agricole al fine di produrre calore o energia elettrica ed unisce alcune proprietà del Comune di Lucca e quelle di oltre 75 soggetti, per un totale di circa 250 ettari.

La costituzione del Consorzio è avvenuta presso la sala della Croce Verde di Ponte a Moriano, di fronte al Notaio Avvocato Lamberto Giusti, alla presenza di 61 soci Fondatori, tra proprietari, imprese agricole ed associazioni ambientali; nell’occasione è stato eletto un Consiglio di Amministrazione, composto da undici membri in rappresentanza delle diverse aree territoriali coinvolte, e nominato Alessandro Manfredini, biologo esperto in conservazione delle risorse naturali, quale Presidente del Consorzio Forestale. Nel Cda: Giuseppe BalducchiCarlo CapponiMario Cecchettini (vice presidente), Antonio LenaAlberto Marchi, Elisa Morelli, Virgilio PaladiniAlessandro Tucci, Roberto Turingia. Direttori tecnici del Consorzio: Massimo Giambastiani e Claudio Lorenzoni.

Le aree coinvolte sono quelle della Brancoleria e di altre zone limitrofe: si tratta di aree territoriali caratterizzate da una frammentazione delle proprietà private forestali che rendevano difficile una gestione ed uno sfruttamento sostenibili dal punto di vista economico del territorio.

La Provincia di Lucca è stata promotrice e capofila del progetto, in partenariato con la Regione Liguria, ODARC (Office de Développement Agricole et Rural de Corse), la Provincia di Nuoro, la Provincia di Massa- Carrara, la Provincia di Pisa e la Provincia di Grosseto.

Questo risultato è frutto di anni di lavoro– ha evidenziato il presidente Baccelli –come ente capofila abbiamo cercato di declinare sul territorio un progetto europeo in un vero e proprio modello di sviluppo. Due sono gli aspetti fondamentali: la conservazione e la protezione dell’assetto idrogeologico e la traduzione in energia alternativa del territorio nell’ambito di una fondamentale alleanza tra pubblico e privato”.

L’ obiettivo fondamentale dei Consorzi Forestali è quello di una corretta gestione del bosco, favorendo il superamento dei confini di proprietà e di garantire l’organizzazione della filiera corta bosco-legna-energia, avendo al proprio interno i proprietari dei boschi, i tagliatori e, in prospettiva come nel caso di Villa Basilica, dove si è concentrata l’attenzione della provincia di Lucca, gli utenti finali delle caldaie a biomassa. Lo stesso Consorzio delle Colline Lucchesi intende lavorare con il Comune di Lucca e la Provincia per realizzare alcuni progetti, come una centrale a biomasse per il teleriscaldamento e un centro di stoccaggio e cippatura del legname.

Altro obiettivo chiave del Consorzio è quello di garantire una continua e programmata manutenzione dei boschi e quindi di messa in sicurezza del territorio, contrastando i fenomeni di abbandono, con le conseguenze in termini di eventi alluvionali e dissesto idrogeologico.

Infine, il Consorzio intende lavorare per il recupero di alcune culture tradizionali, offrirsi sul mercato per ottenere l’affidamento di servizi come la manutenzione di strade, dei canali e il recupero dei sentieri, attingere a finanziamenti comunitari per dotarsi delle necessarie attrezzature, raccogliere e gestire i residui delle potature che spesso scontano problemi di smaltimento.

loschermo

Lucca: Progetto biomassultima modifica: 2012-03-02T10:17:10+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento