Arezzo: CIG anche per commercio e servizi

Lo scorso 30 marzo la Confcommercio di Arezzo e e i sindacati dei lavoratori Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltucs UIL hanno siglato l’accordo per la creazione di una Commissione straordinaria sulla concessione di CIGS (Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria) in deroga alle aziende del terziario, così come previsto dall’Accordo quadro sottoscritto a livello regionale. Si estendono così anche in provincia di Arezzo gli ammortizzatori sociali a tutti i settori economici prevista dall’ultima Finanziaria e coperta in Toscana dall’assegnazione di 10 milioni di euro alla Regione. Il provvedimento riconosce ufficialmente che lo stato di crisi in cui versa l’economia nazionale si sta riflettendo in modo trasversale sull’occupazione di tutti i comparti, dalle categorie produttive alla distribuzione. E se fino ad oggi solo i lavoratori di artigianato e industria potevano contare su strumenti di tutela come cassa integrazione e mobilità, da ora per i prossimi sei mesi lo potranno fare anche i lavoratori di commercio, turismo e servizi, quale che sia la dimensione delle aziende di appartenenza.
Le imprese aretine del terziario intenzionate a richiedere la CIGS in deroga devono rivolgersi a Confcommercio, che si occuperà di istruire la pratica e sottoporla alla Commissione straordinaria istituita presso l’Ente Bilaterale del Commercio e dei Servizi di Arezzo. Se, dopo l’attenta valutazione della situazione economica aziendale, la Commissione darà parere favorevole, l’impresa potrà avviare le pratiche per l’accesso ai benefici della cassa integrazione per il periodo necessario.
tv1
Arezzo: CIG anche per commercio e serviziultima modifica: 2009-04-07T15:51:21+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento