Prato: Marta sui Tubi

Da sabato 5 a sabato 19 settembre, piazza dell’Università, Prato. Concerti, teatro, incontri. Un cartellone di eventi per riscoprire un angolo della città vissuto troppo spesso di fretta.

Univercity vuole, attraverso iniziative diverse, rendere Piazza dell’Università a Prato un punto d’incontro e confronto delle nuove generazioni, ponendo l’attenzione su un potenziale che lo spazio antistante il Polo Universitario possiede già ma che, anche per la sua connotazione estetica, non riesce a sviluppare.

Da sabato 5 a sabato 19 settembre, sul palcoscenico naturale di Univercity, saliranno gruppi musicali, artisti e scrittori. Il sipario si alzerà con la terza edizione dell’Underground Italian Festival: due giorni – sabato 5 e domenica 6 settembre – all’insegna del rock, con Malfunk, Velvet Score, Grenouille, Push Back For, Kill The Nice Guy, Speedy Rocky, Late Guest (At The Party), Stoner Kebab, Mum Drinks Milk Again e Disquieted By.

Largo poi alla vena esilarante con Musicomica University (9-10-11 settembre, ore 21.30) a cura di Artefatti con gli spettacoli “The Quartetto Euphoria” (con la regia di Banda Osiris), “Meglio tarde che mai” (con la regia di Rita Pelusio), e la performance di Roberto Marasco, uno dei più raffinati interpreti della musica popolare toscana. Da non perdere la serata del 13 settembre (ore 21.30), con l’esibizione del gruppo siculo-milanese Marta sui Tubi, padri di un rock nervoso, vicino alle atmosfere punk-folk.

Tra gli incontri, spicca quello di venerdì 11 settembre (ore 19.30) dal titolo ‘Prepariamoci al meglio’ sui temi del merito, dell’università e delle nuove generazioni, in cui interverrà, tra gli altri, il giornalista di Repubblica Antonello Caporali autore del libro ‘Mediocri, i potenti dell’Italia immobile’.

Univercity 2009
Da sabato 5 a sabato 19 settembre 2009
Piazza dell’università – Prato
Info tel 349.3610557 www.arteriosa.it
univercity@arteriosa.it
Ingresso libero

Prato: Marta sui Tubiultima modifica: 2009-08-31T12:02:00+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento