Siena: 1° Barolo, 2° Chianti Classico, 3° Brunello

Sono stati 1.424 gli amanti di vino e web coinvolti nel sondaggio di winenews.it e vinitaly.it da cui sono emerse le quattro denominazioni più prestigiose del panorama italiano in cima ai desideri degli appassionati.

In testa alla classifica il Barolo (22% delle preferenze), seguono il Chianti Classico (12%) e il Brunello di Montalcino (11%) per finire con il Franciacorta, le bollicine più amate d’Italia. Ma la top ten vanta altri simboli dell’enologia nazionale come l’Amarone della Valpolicella, Bolgheri, Barbaresco e Sagrantino di Montefalco solo per citarne alcuni.

Ma gli enonauti hanno anche votato le “cantine del cuore”; qui il risultato ha espresso una certa varietà e frammentazione nella scelta, segno di un mercato ormai veriegato e dinamico. Come ovvio le grandi ‘griffes’ del vino italiano la fanno da padrone. Il piemontese Gaja in testa, considerato la ‘Ferrari’ del vino italiano, subito dopo Antinori, produttore toscano dalla storia secolare dietro di lui Bellavista, portabandiera della Franciacorta e ancora laTenuta dell’Ornellaia, l’altra celebre griffe toscana sinonimo di grandi Supertuscans e infine, ma non ultimo, Caprai ovvero il ‘guru’ del Sagrantino di Montefalco.

Un’indagine interessante quella dei due siti web che mette in evidenza, rivolgendosi ad un pubblico di appassionati, come il vino rappresenti sempre di più una cultura e sia espressione di un legame profondo con il territorio da cui proviene. Si consolidano nei desideri degli amanti del buon bere le cantine storiche e blasonate ma gli enonauti sembrano sempre più consapevoli delle denominazioni o dei territori racchiusi nelle bottiglie che acquistano. Un segnale positivo e incoraggiante per un mercato che ha attraversato diversi scossoni nell’ultimo periodo ma che è senza dubbio uno dei fiori all’occhiello del made in italy nel mondo.

sienafree

 

Siena: 1° Barolo, 2° Chianti Classico, 3° Brunelloultima modifica: 2010-02-21T12:05:36+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento