……..de ri-Carrara: Il telaio (per segare il marmo e ridurlo in lastre) di Leonardo da Vinci

Il telaio di Leonardo da Vinci a Shangai

La “macchina per tagliare le pietre“, il telaio per il marmo di Leonardo Da Vinci, realizzato dal prof. Brunello Pucci ed attualmente esposto nell’atrio della Camera di Commercio di Carrara, sarà presente all’Esposizione Universale di Shangai che si terrà dal 1 maggio al 31 Ottobre 2010.
A Brunello Pucci venne l’idea di realizzare questa macchina dopo aver letto il post del 26 ottobre 2007  chr l’estensore di ottopassi ripropone:

IL TELAIO PER SEGARE IL MARMO DI LEONARDO DA VINCI
 
Il “ Codice Atlantico” di Leonardo da Vinci,  rappresenta la più ampia e stupefacente collezione di manoscritti di Leonardo (1750 disegni su 1119 fogli) ed è conservato, inaccessibile al pubblico, nel caveau della biblioteca Ambrosiana di Milano.
Tuttavia è possibile, in parte, esaminarlo in internet. Vi è la digitalizzazione in altissima risoluzione delle più affascinanti 100 pagine manoscritte e la loro integrazione in un libro interattivo, dà la possibilità, sinora inedita al pubblico, di scoprirle, sfogliandole direttamente. Oltre alla possibilità di ingrandire i particolari con un dettaglio mai visto prima d’ora, all’utente vengono offerte le animazioni tridimensionali dei principali disegni, che rendono immediatamente comprensibile il funzionamento dei meccanismi.
Tra queste 100 pagine di disegni  TROVERETE , la “macchina per tagliare le pietre” che vi presentiamo, tratta proprio dal Codice Atlantico:
 (Il bellissimo disegno, contenuto nel Codice Atlantico (f.2r mm 275×415) è commentato da Leonardo: “…il moto della sega debbe essere insino che il centro della gravità della sega aggiunga alli stremi della pietra segata e qualche cosa più, acciò che la sega s’innalzi dalla parte più lieve, per dare loco allo ‘ntroito dello smeriglio, che entri sotto l’alzata parte della sega…”.
Tema unico: un grosso banco da lavoro per segare pietre con uno scanno per il lavoratore. Molti disegni più piccoli circondano il disegno principale e coprono la maggior parte della facciata sinistra.)
Non la troverete a Milano e neppure riprodotta nelle centinaia di modelli di macchine di Leonardo presenti nel museo di Vinci e non nel museo della Scienza e della Tecnica, sempre di Milano, dove sono contenute altre riproduzioni di macchine di Leonardo.
Non la troverete, ovviamente, nel museo del marmo di Carrara.
Eppure, per la nostra storia, per la storia della lavorazione del marmo, si tratta di un documento notevole. Nel ‘500 Leonardo aveva ideato una macchina per tagliare la pietra, quando, tre secoli dopo, all’inizio dell’ottocento, il marmo si tagliava ancora a mano!!!
Perché non la troverete? Non solo perché forse pochi sono a conoscenza che Leonardo ideò una macchina per tagliare il marmo, ma perché, in realtà, di queste cose “culturali” non frega niente a nessuno…ad operatori economici ed amministratori pubblici…e nessuno ha mai pensato di finanziare, con pochi euro, una riproduzione della macchina per tagliare le pietre…
Eppure, in una operazione di marketing internazionale, non si potrebbe abbinare la marca “Leonardo da Vinci”, conosciuta in tutto il mondo, alla moderna industria (italiana e/o locale) di costruzioni meccaniche di macchine e macchinari per il taglio del marmo, dei graniti e delle pietre?
“La tecnologia italiana, da secoli sempre avanti”. Foto della macchina di Leonardo, foto di un moderno telaio per la segagione del marmo.
Una riproduzione della macchina di Leonardo, a grandezza naturale, non “starebbe bene” nell’atrio principale del complesso fieristico dell’Internazionale Marmi Macchine, in grado, da sola, di polarizzare l’attenzione dei media nazionali ed internazionali su Marmotec 2008?
…Fra tre secoli!. 
ottopassi

……..de ri-Carrara: Il telaio (per segare il marmo e ridurlo in lastre) di Leonardo da Vinciultima modifica: 2010-03-23T19:38:00+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento