Montalcino (SI): Lambrusco e Brunello campioni del mondo


Che una competizione prestigiosa come l’International Wine Challenge abbia decretato miglior rosso del mondo il Brunello di Montalcino Riserva 2004 del Castello Romitorio è una notizia che scalda il cuore. Ma il premio che accende l’anima e infuoca l’orgoglio italiano è quello come vino spumante dal miglior rapporto qualità-prezzo al Lambrusco Reggiano Concerto 2009 di Ermete Medici. Una vecchia conoscenza di cui parlammo approfonditamente su Intravino anche col produttore. Non l’etichetta preferita da un lambruschista convinto ma di certo un prodotto facilmente riconoscibile come Lambrusco, specie in una competizione internazionale.

Personalmente non tengo troppo in considerazione i premi internazionali e vedendo qualche vincitore del passato – tipo il Pecorino Unico 2008 della Tenuta Ulisse come miglior vino bianco d’Italia – mi assalgono dubbi che la metà basta per cambiare sport. Detto questo, io sono un italiano atipico e quando l’Italia vince qualcosa all’estero sono contento a prescindere da tutti i dubbi di sorta: il prestigio della competizione è acclarato ma assaggiare 10.000 vini da tutto il mondo divisi in così tante categorie è una pratica che dovremmo discutere. Anche la premiazione racconta qualcosa.

Quando vedete premiato il Secano Rosé Pinot Noir 2009, Leyda for Marks & Spencers (al minuto 2:15), miglior rosé per qualità-prezzo, ricordate che in una competizione simile il collegamento tra degustazione e commercio è stringente, anche parlando di Lambrusco: Marks & Spencers sono gli stessi del Lambrusco bianco e dubito che nel lotto ci fossero etichette che piacciono tanto a noi di Intravino. Quindi un Lambrusco vincitore, per dire, non è IL miglior Lambrusco in assoluto ma solo tra quelli assaggiati nella categoria. Con tutto il rispetto, gli inglesi avranno il concorso fico e i tipi con lo smoking, ma se io cittadino dei media-mondo voglio sapere quale lambrusco bere o farmi inviare dall’Italia, vato a farmi una ricerca sui siti da enostrippati o digito l’hashtag #lambruschi su Twitter. Dettagli, forse, ma giusto ricordarli. A parte questo, sempre benvenuto un premio all’Italia. Se sono due pure meglio.

[Immagine: Stefano Caffarri/Appunti di gòla]

Montalcino (SI): Lambrusco e Brunello campioni del mondoultima modifica: 2010-09-22T15:38:02+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento