Pomarance (PI): Pamela Villoresi

 

Torna a Pomarance la signora della scena italiana, Pamela Villoresi, questa volta eccellente protagonista di MEDEA: in scena venerdì 17 dicembre, alle ore 21, al Teatro dei Coraggiosi, secondo titolo della stagione teatrale promossa dalla Fondazione Toscana Spettacolo con la collaborazione organizzativa del Comune di Pomarance e con la Fondazione Teatro di Pisa.

Prodotto da Argot Produzioni e Associazione Teatrale Pistoiese, in collaborazione con il Teatro dei Due Mari, MEDEA è firmata dal regista Maurizio Panici (qui anche in veste di coautore con Michele Di Martino dell’adattamento da Euripide, e di attore); protagonista insieme con Pamela Villoresi David Sebasti. Con loro, oltre a Panici, Silvia Budri, Andrea Bacci ed Elena Sbardella.

Medea la sapiente, Medea la barbara, è per uno dei personaggi più estremi e affascinanti della tragedia classica e moderna in quanto, prima fra tutte, non agisce spinta da un impulso erotico o sentimentale ma per rispondere ad una ingiustizia : “ecco Medea ….ecco la sventura di una donna” dice di sé al termine di un lunghissimo e straziante monologo.

Annota Maurizio Panici: «C’è una definizione precisa della tragedia in un testo di Jean Anouilh attraverso un’immagine molto forte, che trovo assolutamente pertinente: il coro infatti dice “La molla è caricata. Non avrà che da scaricarsi da sola… nella tragedia tutto è tranquillo si dà appena una spinta per metterla in moto, un nonnulla. Tutto qui. Dopo non c’è che da lasciarla fare…”. Ecco, Medea è la molla caricata: la sua diversità, il suo essere esule in terra straniera, non più amata dall’uomo per il quale ha lasciato la casa e gli affetti, sono ancora oggi, come allora, motivi sufficienti per provocare un corto circuito emotivo di dimensioni devastanti».  

In Medea l’azione tragica coincide con la sua stessa rovina poiché, mentre punisce il padre dei suoi figli, colpisce con uguale violenza se stessa: pur riconoscendo l’impatto del suo agire, lo persegue con determinazione e lucida consapevolezza.

Medea ci riporta così alle donne di oggi. Sono infatti le donne a mettere in discussione la vecchia cultura facendosi portatrici di un nuovo pensiero. Ed è proprio attraverso Medea (figura totalmente inedita e significativa) che Euripide pone all’interno delle rappresentazioni tragiche un elemento di assoluta modernità: Medea, infatti, è la prima donna a mettere in discussione i rapporti tra uomo e donna, evidenziando una situazione di forza, contestando l’esistente, aprendo un contenzioso e lasciando intravedere nuove possibilità.

«Raccontare ancora una volta Medea – annota ancora Panici – è narrare da un lato quanto le passioni possano essere devastanti se non controllate, ma dall’altro come gli uomini attraverso sofisticati ragionamenti giustifichino scelte di comodo per il raggiungimento di una posizione sociale più alta all’interno di una comunità.  Medea è anche una storia tremenda che le cronache recenti continuano a raccontarci suscitando orrore per un atto così orribile: ancora una volta la lezione dei classici ci fa riflettere sul nostro essere uomini di questo tempo, con l’immutata fragilità di sempre, e ci invita a partecipare al percorso doloroso della protagonista, percorrendo con lei tutta la gamma delle passioni e l’orrore per un gesto così tremendo e definitivo».  

La scena, di Michele Ciacciofera, delinea un cratere che è anche landa desolata, abitata da Medea e che solo Giasone riuscirà a penetrare. Le musiche, di Luciano Vavolo, raccolgono suggestioni antiche ricollocandole con sensibilità contemporanea all’interno di un allestimento che privilegia fortemente il compito degli attori destinati a restituirci un distillato di parole ed emozioni.

Una magistrale interpretazione di Pamela Villoresi, uno spettacolo da non perdere.

 

I biglietti costano 9 euro, ridotto  7 euro. Prevendita e prenotazioni presso la biglietteria del Teatro dei Coraggiosi il giorno prima dello spettacolo, dalle ore 17 alle ore 19, o telefonando allo 0588/64572.

 

Pomarance (PI): Pamela Villoresiultima modifica: 2010-12-14T12:39:51+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento