Lucca: La Cappella del Volto Santo

Prosegue la raccolta di fondi promossa dall’Ente Chiesa Cattedrale di San Martino e dalla Cassa di Risparmio di Lucca Pisa Livorno per finanziare il restauro della Cappella che custodisce il Volto Santo nel Duomo di Lucca. L’appello rivolto dall’arcivescovo di Lucca, monsignor Italo Castellani, e dal presidente della Cassa, Alberto Varetti, a tutta la comunità lucchese, ha consentito, finora, di riempire le prime caselle della “griglia” in cui è stata inquadrata la Cappella del Volto Santo. Un artificio grafico che ha lo scopo di rendere visibile a tutti la parte di restauro “adottata” da ciascuno di coloro che intendono partecipare a questa importante colletta.

“L’iniziativa – come spiega il Varetti – appartiene alla tradizione secolare della nostra comunità: quella, cioè, di provvedere alla costruzione e alla tutela di chiese, monumenti e opere d’arte di ispirazione religiosa. Una tradizione propria della stessa Cassa di Risparmio di Lucca, che anche in questa occasione conferma così il suo radicamento sul territorio e la sua attenzione ai valori della comunità lucchese.

L’intervento completa l’opera già da anni avviata per il restauro della Cattedrale di San Martino: entro il 2012, infatti, si concluderanno i lavori di restauro del Duomo cittadino. Un’operazione che contiene in sé molteplici significati, di ordine morale, religioso, culturale, ma anche economico: il Duomo di San Martino, infatti, è uno dei più bei monumenti che la nostra città conserva e che, proprio per questo, costituisce un importante elemento di richiamo per il turismo nazionale ed internazionale”.

Come partecipare alla raccolta dei fondi – Chi volesse contribuire a questo importante restauro può farlo attraverso un bonifico del valore non inferiore ad euro 100, da accreditare sul conto corrente intestato a: “Ente Chiesa Cattedrale di S. Martino – Restauro Volto Santo”. Coordinate bancarie IBAN: IT49-N-06200-13701-000000002010

A fronte della donazione viene rilasciato un attestato che certifica l’avvenuto versamento. In particolare il certificato riporta simbolicamente la porzione di cappella che verrà restaurata con il contributo, porzione che sarà individuata attraverso l’incrocio dato dalle lettere e dai numeri riportati sul video presente in Cattedrale.

Infine, per chi volesse, sarà inoltre possibile effettuare delle offerte libere direttamente in Cattedrale durante gli orari di apertura.

La cappella, i doni e gli ornamenti – Il Volto Santo è  custodito in una cappella tempietto all’interno della cattedrale. L’opera, eseguita dall’architetto e scultore lucchese Matteo Civitali, si inserisce nella corrente di rinnovamento del secondo Rinascimento. In seguito la cappella fu arricchita con statue ora custodite nel Museo della cattedrale. Per essere rimasti immuni dal flagello della peste i lucchesi, nell’Ottocento, offrirono in ringraziamento al Volto Santo una lampada d’oro. Il lume andò ad aggiungersi ai numerosi altri che adornavano l’esterno del tempietto. In una sala del Museo si possono ammirare alcuni dei più preziosi doni offerti al Volto Santo nel corso dei secoli. Una campana, donata per il Giubileo del 1932 è tuttora in uso.

loschermo
Lucca: La Cappella del Volto Santoultima modifica: 2011-01-31T10:07:13+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento