Rigutino (AR): Archeologi alla Pieve della Sassaia

Si è conclusa con successo la due giorni interamente dedicata all’archeologia, organizzata da Generazioni Moderne Arezzo presso la Pieve della Sassaia di Rigutino, con esperti del settore giunti ad Arezzo dall’Università di Siena, Padova e Torino.
Suggestiva l’ubicazione allestita per l’occasione:  ricostruzione storica di un accampamento medievale nel cortile antistante con tanto di figuranti che hanno duellato per la gioia dei molti visitatori, mentre all’interno della Pieve si sono susseguiti una serie di interventi con tematiche specifiche per ogni relatore: il primo verteva su una serie di relazioni tra l’archeologia ed i misteri con interessanti connubi tra monumenti, maledizioni, leggende e reliquie che potessero lasciar trapelare la possibilità di una provenienza quantomeno dubbia.
Si è passati poi alla presentazione della Living History, il procedimento cioè che viene seguito per la corretta realizzazione di una ricostruzione storica con periodi che vanno dalla rievocazione tardoantica fino alla seconda guerra mondiale.
Nel terzo intervento sono state illustrate le nuove tecnologie con le quali il mondo informatico si avvicina a quello archeologico e storico: dalle realizzazioni in 3D che ormai conoscono in molti al sistema della realtà aumentata e virtuale, passando per i codici QR (Quick Response), l’evoluzione del codice a barre tradizionale che viene utilizzato come nuovo stimolo e come veicolo promozionale agli occhi del grande pubblico per l’attività di scavo e museale.
In conclusione, è stato proposto un’interessante prospettiva sulla poco rosea situazione aretina in cui versano i nostri bellissimi monumenti, scavi e musei cittadini. Dagli scavi sistematici del 1933 ad oggi, è stato scoperto un patrimonio comunale e provinciale notevolmente importante che si scontra però con le reali difficoltà della zona: il problema della mancanza di un polo universitario adeguato, un’inconcludenza archeologica e lo stato di abbandono e di degrado nel quale sono costretti importanti siti archeologici come il Pionta, l’Anfiteatro Romano e tanti altri ancora, lasciano nel nostro territorio una lacuna difficile da sanare.
E’ seguita una divertente cena medievale con musici e giochi per tutti.
Con questi interventi specifici e mirati sul territorio, l’Associazione Generazioni Moderne Arezzo, in collaborazione con singoli ed associazioni di zona, ha intenzione di farsi portavoce della necessità di una maggiore attenzione sul territorio.
arezzoweb
Rigutino (AR): Archeologi alla Pieve della Sassaiaultima modifica: 2011-03-15T10:03:29+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento