Livorno: Omaggio a Garibaldi

 Angela Simini per costaovest

 E’ la volta di due club livornesi a scendere in pista per celebrare il 150esimo anniversario dell’Unità di Italia e, nella stessa occasione, a patrocinare una iniziativa di carattere umanitario quale il finanziamento della Scuola di Cani guida per non vedenti. Il Lions club Livorno Host e il Lions club Porto Mediceo, con la collaborazione della Fondazione Teatro Goldoni, offrono dopodomani alla città, sabato 16 aprile ore 21, un variegato spettacolo “Parole e Musica, racconti dell’Unità d’Italia”, appunto nel Teatro Goldoni, che ospiterà per l’occasione la mostra di cimeli di Giuseppe Garibaldi dalla collezione della famiglia Sgarallino.

Hanno presentato il meeting i presidenti dei club, rispettivamente Antonio Heusch e Gaspare Renda, che si sono soffermati in particolare sulla funzione dei club di servizio, che svolgono la loro attività di volontariato a servizio della diffusione della cultura, della valorizzazione dei beni nazionali, di sostegno economico e di assistenza vera e propria alle fasce più colpite e diseredate dell’umanità. Presenti in 202 nazioni e con un seggio permanente all’Onu, riescono ad intervenire in momenti di tragedie naturali, come in Giappone, con immediatezza ed efficienza. La serata in questione è aperta a tutti gratuitamente, ma è gradita un’offerta libera per la Scuola di cani Guida.

Marco Bertini, presidente Consiglio d’amministrazione della Fondazione Goldoni, si è trattenuto sulla natura dello spettacolo, che si snoda su tre filoni, parole, musica e canto nel corso dei secoli che hanno visto gettare le basi della coscienza e della nazione italiana. Un lungo cammino, idealmente iniziato da Dante Alighieri, attraverso la lettura di testi che includono anche un autore caro ai livornesi, Carlo Azeglio Ciampi, di cui si reciterà “I nostri giorni sono incerti”, a significare che l’Unità di Italia, se si è realizzata nel 1861, ha avuto però le sue premesse tanto tempo prima. A sostegno di questa tesi, Bertini ha introdotto anche il repertorio lirico, Giuseppe Verdi in testa e il canto popolare.

Attori ed artisti sono vecchie e prestigiose conoscenze livornesi, Pardo Fornaciari voce recitante, Giorgio Dari alla fisarmonica, allievi del Laboratorio Compagnia della Bottega d’Arte e cantanti del Cantiere lirico Fondazione Goldoni, Angela Lapshina, Giuseppe Di Stefano, al pianoforte Anna Cognetta.

Si consiglia di ritirare in tempo i coupon invito con posti numerati al botteghino del teatro con orario 17-20 e il sabato anche 10-13. Info: 0586/204290 (ore 17-20).

Livorno: Omaggio a Garibaldiultima modifica: 2011-04-14T12:50:01+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento