Arezzo: Gemellata con Norman, Oklahoma

Firmato in Oklahoma l’accordo Il Presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Caroti e il sindaco di Norman Cindy Rosenthal hanno firmato nella cittadina della contea di Cleveland, in Oklahoma, l’accordo di città sorelle tra Norman e Arezzo.
Una firma che ha avuto ampia eco nel più importante giornale locale, il The Norman Transcript, e che ha consentito il tradizionale scambio di doni tra le due rappresentanze ufficiali: in particolare, a Rosenthal, Caroti ha consegnato lo stemma della città di Arezzo realizzato in legno mentre ha ricevuto dalla prima cittadina la bandiera di Norman e uno stendardo realizzato in occasione di una fiera medievale organizzata in Oklahoma.
Per Norman si è trattato di proseguire in un percorso di “gemellaggi” con altre città del mondo avviato fin dall’epoca di Dwight Eisenhower nel 1950. Per Arezzo si è trattato di presentare le proprie credenziali nel cuore del grande paese nord-americano: “non solo storia e cultura millenarie ma anche economia con settori trainanti come quelli produttori di oggetti di stile e di pregio”.
Norman, 115.000 abitanti, classificata 6° fra le città degli Stati Uniti per qualità della vita, ospita una prestigiosa università fondata nel 1890 con 30.000 studenti iscritti, 10.000 addetti, bilancio di 1 miliardo e mezzo di dollari, leader per gli scambi internazionali fra le università americane, vantati con 50 nazioni e 100 città. Questo campus è una delle eccellenze “a stelle e strisce” per la sua facoltà di ingegneria e il suo centro di previsioni meteorologiche. L’università di Norman dell’Oklahoma è presente nella nostra città dal 7 ottobre 2010 quando venne inaugurata la sua sede in Corso Italia. A questo istituto sono già iscritti 40 studenti.
La città di Norman e la sua imponente struttura universitaria hanno un ottimo rapporto con Arezzo e l’Italia. L’Oklahoma, secondo produttore di petrolio degli Stati Uniti dopo il Texas, è meta interessantissima per tutti gli imprenditori, soprattutto nel settore del commercio e dell’ingegneria applicata. Si tratta, quindi, di dare sostegno alle iniziative che l’Oklahoma University sta portando avanti ad Arezzo.
La presidenza del Consiglio Comunale spiega i termini dell’accordo e svela alcuni aneddoti: “il protocollo d’intesa prevede di supportare e incoraggiare i mutui scambi di cittadini, la realizzazione di affiliazioni fra le scuole, gli scambi culturali, quelli in ambito artistico e sportivo, i rapporti fra imprese, la valorizzazione dei rispettivi prodotti tipici. Gli studenti di Norman possono seguire corsi nella nostra università e questa frequenza vale come crediti per il loro corso di stuti statunitense. Alla cerimonia erano presenti una studentessa aretina attualmente a Norman, particolarmente fiera, com’è immaginabile, di trovare suoi concittadini in veste istituzionale in un luogo così lontano dove sta trovando attualmente ospitalità, e alcuni studenti dell’università dell’Oklahoma provenienti anche da altri Stati. A tal proposito, ci ha fatto molto piacere scoprire da Kate, una studentessa di Dallas, che si è fatta 3 ore di macchina, tanto dista Norman dalla città texana, pur di assistere alla cerimonia. E a proposito di scambi culturali, l’indomani della firma abbiamo già programmato il primo in maniera casuale e per questo ancora più piacevole: Ghislain d’Humières è il direttore del Fred Jones jr. Museum of Art di Norman e riceverà una copia del catalogo della mostra alla Galleria Comunale di Arte Contemporanea che riunisce 60 opere della collezione civica. Ghislain d’Humières ne sceglierà una ottenendone il prestito temporaneo in occasione dell’apertura delle due nuove ali del museo da lui diretto che avverrà nell’ottobre 2011”.
  arezzoweb

Arezzo: Gemellata con Norman, Oklahomaultima modifica: 2011-04-16T14:58:52+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento