Montecatini Valdicecina (PI): Doppio eolico

 

Venerdì scorso al Teatro Aurora di Montecatini Val di Cecina è stato presentato da parte della società WPP Uno che lo vuole realizzare, il progetto e il relativo studio d’impatto ambientale del raddoppio dell’attuale parco eolico La Miniera.
Presenti il sindaco Sandro Cerri, il vicesindaco Alberto Fiorini e l’assessore Sergio Nanni e, per il CoSviG, il direttore Sergio Chiacchella.

L’evento si colloca all’interno della procedura di Valutazione di impatto ambientale relativa al progetto di ampliamento che è stata attivata il 15 aprile 2011 e che consente nei successivi 60 giorni – a chiunque abbia interesse – di presentare osservazioni o memorie scritte relative al progetto depositato.

Nell’introdurre l’evento il sindaco di Montecatini Val di Cecina, Sandro Cerri, ha confermato l’impegno dell’Amministrazione Comunale in favore delle energie rinnovabili ed in particolare dell’ampliamento in questione.
L’impianto esistente, collocato sui colli a nord ovest del centro abitato di Montecatini Val di Cecina è costituito da 6 aerogeneratori ciascuno della potenza di 1,5 MW e con un’altezza, in punta di pala, di 100 metri da terra.

L’energia elettrica prodotta dall’impianto lo scorso anno (periodo marzo 2010-febbraio 2011) è stata pari a 16.251 MWh, immessa in rete grazie alla sottostazione da 132 kV Larderello-Cascina.
Una quantità di energia elettrica, che sulla base di quanto hanno calcolato i progettisti avrebbe fatto risparmiare (rispetto alla stessa quantità di energia elettrica prodotta con fonti convenzionali) 3.612 t/anno in TEP (tonnellate equivalenti di petrolio). E in termini di emissioni evitate ha permesso di risparmiare 11.520 t/anno di CO2 (anidride carbonica); 23 t/anno di SO2 (anidride solforosa) 31,2 t/anno di NO2 (ossidi di azoto).

Il raddoppio di cui la WPP Uno di Bolzano ha presentato il progetto e la valutazione d’impatto ambientale prevede l’inserimento di aerogeneratori identici a quelli già in funzione a La Miniera,utilizzando porzioni di territorio in zone comprese tra le torri esistenti. L’energia elettrica prodotta dai sei nuovi aerogeneratori sarà convogliata con cavi da 20 kV interrati fino alla sottostazione elettrica esistente che è adeguatamente dimensionata per permettere l’inserimento di questa nuova produzione.

L’impatto per il raddoppio che non sembrerebbe importante date le premesse è stato comunque analizzato nei dettagli, sia per gli aspetti a carico della vegetazione, che dell’avifauna sia, infine, per gli aspetti paesaggistici e sono anche state presentate le attività previste per la loro mitigazione.

Saranno ripiantumati in altra sede gli alberi tagliati per far spazio alle piazzole e utilizzati segnalatori per evitare collisioni con la fauna migratoria; saranno inoltre proseguiti i monitoraggi periodici per quanto riguarda avifauna e chirotteri, come già fatto per l’impianto esistente.
Per ridurre l’impatto paesaggistico sono stati fatti studi che hanno previsto analisi della visibilità dell’impianto da tutti i principali punti di vista circostanti, così da ridurla al minimo.

Nel dibattito che si è svolto dopo la presentazione dello studio le principali raccomandazioni e preoccupazioni hanno riguardato eventuali problemi di viabilità nella fase di realizzazione e del collegamento elettrico tra gli aerogeneratori e la sottostazione esistente e come verranno effettuati gli interventi sulle strade locali del parco eolico, in modo da permettere la fruibilità ai residenti e agli ospiti degli agriturismi.

greenreport

Montecatini Valdicecina (PI): Doppio eolicoultima modifica: 2011-05-02T18:24:38+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento