Pieve Santo Stefano (AR): Sagra del Prugnolo

Nella Provincia di Arezzo in certe stagioni, è molto facile trovare funghi. In particolare il fungo porcino Toscano è molto profumato e prelibato e tante ricette locali sono caratterizzate dalla presenza dei nostri appetitosi funghi porcini. Ma non solo di porcini è ricca la cucina toscana ma anche di altre specie forse meno conosciute ma altrettanto prelibate.

A Pieve Santo Stefano, per esempio, il prossimo fine settimana si potrà gustare il “prugnolo”. La Sagra del Prugnolo è già alla sua undicesima edizione e proprio in questa occasione si propone un breve decalogo sulle caratteristiche di questo fungo e dei suoi corretti abbinamenti in cucina. Proprio per far conoscere le ricette che utilizzano come ingrediente fondamentale questo fungo particolare e locale, così denominato perché nasce tra i “pruni”, nel 2000 l’Associazione Pro-Loco di Pieve Santo Stefano, ha pensato alla realizzazione di una sagra con l’obbiettivo di legare la cultura del mangiar bene ai prodotti locali e di tradizione.

Le Sagre nascono, in tutta Italia, proprio con la finalità di conservare la cultura e le tradizioni di tanti piccoli territori e gli abitanti di pieve santo Stefano hanno dimostrato un forte attaccamento ai propri usi e costumi tanto che tutti i ristoratori della zona, tra aprile e maggio propongono ricette a base di prugnoli associati a olio extra vergine di oliva, formaggio a latte crudo, anguilla all’Ancione e prodotti da forno. E’ con queste allettanti proposte che il centro storico di questa piccola cittadina in Provincia di Arezzo, ai confini con l’Emilia Romagna e ai piedi dell’ Appennino Tosco-Emiliano attira visitatori in cerca di prelibatezze da assaggiare e da acquistare. Nell’occasione sono stati organizzati anche eventi collaterali quali mostre, spettacoli folcloristici e passeggiate ecologiche per gli amanti della mountain bike.

arezzoweb

Pieve Santo Stefano (AR): Sagra del Prugnoloultima modifica: 2011-05-05T11:16:18+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento