Pontassieve (FI): Roberto Smorti

Sarà inaugurata sabato 3 ottobre alle ore 18, con il Patrocinio del Comune di Pontassieve, la Mostra Personale di Pittura del Maestro Roberto Smorti, “Terre di Toscana, allestita nei locali dell’Hotel Moderno di Pontassieve.
Il Maestro Smorti, apprezzato paesaggista che dipinge i suoi quadri ad olio nella campagna toscana di cui ritrae delicati e luminosi scorci, ha instaurato ormai da tempo un consolidato rapporto con l’Amministrazione comunale con l’intento di far apprezzare e promuovere l’arte nel nostro territorio con corsi e collaborazione alle iniziative del Comune.

La mostra è organizzata da Colori del Levante Fiorentino, un’associazione formata, in parte, dagli stessi allievi del Maestro Smorti che hanno partecipato ai corsi di pittura organizzati dal Comune di Pontassieve negli scorsi anni e che hanno dato vita a mostre e iniziative di cui sono stati protagonisti.
“Il maestro Smorti ha con la nostra Amministrazione un dialogo di collaborazione proficuo – afferma il Sindaco Marco Mairaghi – e con la sua generosa disponibilità regala al nostro territorio la possibilità di avvicinarsi alla pittura.”
A fine maggio scorso il Roberto Smorti, durante la giornata di premiazione degli artisti locali che hanno frequentato corsi d’arte, ha donato all’Amministrazione Comunale due grandi tavole che sono esposte in Sala del Consiglio.

Questi quadri entrano così a far parte del patrimonio pubblico del Palazzo comunale di cui fa parte anche la grande tela, sempre donata da Smorti, in ricordo dell’eccidio alla Pievecchia nel 2007 durante la cerimonia di conferimento della Medaglia di bronzo al Merito Civile al Gonfalone del Comune di Pontassieve.
La mostra Terre di Toscana sarà visitabile dal giorno dell’inaugurazione, sabato 3 ottobre, fino al domenica 1 novembre.
L’orario di apertura è dalle ore 18 alle 22 nei giorni feriali, e dalle ore 10 alle 22 nei festivi. L’ingresso è libero.

Pontassieve (FI): Roberto Smortiultima modifica: 2009-09-30T15:41:45+02:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento