Arcidosso (GR): La birra maremmana

La birra artigianale italiana ci ha abituati a prodotti fortemente ancorati al territorio. La libertà e l’estro dei nostri birrai hanno dato vita a birre originali realizzate partendo proprio da materie prime locali. Tra i birrifici artigianali che hanno particolarmente a cuore il territorio si distingue il birrificio toscano Amiata. Fin dalla sua nascita nel 2006, la volontà di comunicare l’appartenenza ad un luogo, quello della montagna amiatina, era ben chiara. Lo dimostra il nome del birrificio, ma anche quello di alcune birre che ricordano ambienti cari ai due fratelli, Gennaro e Claudio Cerullo, che portano avanti la scommessa di questo piccolo birrificio montano situato vicino ad Arcidosso.  Se la Contessa rende omaggio all’omonimo prato, l’affumicata Drago della Selva ne ricorda la mitologia mentre l’Aldobrandesca, la storia. Legame che si rafforza con birre prodotte con uno dei prodotti tipici più rinomati dell’Amiata come la castagna, che finisce nella rinomata Bastarda Rossa e nella Bastarda Doppia. La gamma con il tempo si amplia, ma la filosofia rimane la stessa, e arrivano birre come la Crocus, prodotta con aggiunta di zafferano maremmano e la Marruca, aromatizzata con il miele ottenuto dall’omonimo arbusto spinoso che cresce proprio sulle pendici della montagna.

 

 maremma toscana italy

 
Arcidosso (GR): La birra maremmanaultima modifica: 2011-02-18T11:36:00+01:00da minobezzi1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento